Indice.jpg

MONFORTE DE LEMOS

Emblema Rozavales10-WEB.jpg
Escudo Monforte.jpg
Emblema Rozavales-5.jpg

ROZAVALES - EL RONCESVALLES GALLEGO

SANTA MARÍA DE ROZAVALES

(ROZABALES)

(Última actualización: 17-06-2021)

NOMBRE OFICIAL
Empiezo con una aclaración sobre el nombre del topónimo.
El nombre oficial actual y también el más antiguo es ROZAVALES,
 
pero ha habido épocas y hay muchas referencias en Internet que escriben Rozabales.
La Iglesia y la parroquia eclesiástica tienen el nombre de Santa María de Rozavales.
La parroquia civil de Rozavales (Rozabales) pertenece al municipio de Monforte de Lemos. A 1 de Enero de 2019 tenía una población de 29 habitantes distribuidos  en nueve lugares (A Fonte, A Infesta, Cacabelos, Costaneiro, Penedo, Rozavales, Rubín, Salgueiros y Salvadur). Es la típica feligresía del interior de la provincia de Lugo constituida por un reducido vecindario y un típico modelo bajomedieval de distribución de la población, que
parece haber surgido de la mano de la fundación de su iglesia parroquial
como centro aglutinador de una comunidad de fieles cristianos (feligresía) dirigidos por un “cura de almas” o párroco (parroquia)
bajo patrocinio real y eclesiástico
con la finalidad de cristianizar el lugar al mismo tiempo que se impulsaba el asentamiento de población en el territorio y su explotación.

Ubicación: 42°29′15″N  /  7°24′47″O

Código Postal: 27413
UBICACIÓN
Rozavales en España-web.jpg
Rozavales en Galicia-WEB.jpg
Rozavales-Monforte-WEB.jpg
Mapa de Rozavales-2-WEB.jpg

La documentación consultada, induce a pensar que se originó en la Edad Media a partir de una población autóctona muy anterior. Topónimos como "Gangueira” o “Rubín” parecen indicar una posible “urbanización” del lugar en época romana a partir de un asentamiento humano mucho más  antiguo. Otros lugares como "Castro”, “Subcastro”, “Outeiro” o “Seara”, parecen sugerir un posible pasado minero de la feligresía y hacer referencia a la época prehistórica de la Edad de los Metales con la llegada de pueblos megalíticos y celtas a la búsqueda de metales y tierras en las que asentarse.

Está documentada, la existencia en la parroquia de un castro dominante "O Castrelado" en la Sierra de Salvadur"

y las Peñas de Santa Lucía parecen haber sido un lugar de culto pagano y también un pequeño castro,

existiendo en sus proximidades una posible mámoa.

Ciertos toponímicos como “Camino público”, “Camino da Costa”, ”Carreiroa”, “Carril”, “Encrucillada”, “Entre caminos”, “Porto”, “Rotea” o “Travesa” que en relación con la feligresía figuran en el Catastro de Ensenada, indican que

la feligresía contaba con una red de caminos que debieron desempeñar un papel importante en épocas anteriores,

lo que, junto a su proximidad al lugar en que se encontraba la barca para cruzar el río Sil,

hace suponer que serían utilizados por peregrinos a Compostela.

De ahí,

la presencia documentada en la feligresía, de la Orden de Roncesvalles y de la Orden de Santiago (Encomienda de la Barra),

una de cuyas misiones era vigilar las vías de comunicación y a los que transitaban por ellas.

 
 
 
 
ROZAVALES EN UNA RUTA MEDIEVAL DEL VINO

En varios documentos medievales procedentes de los archivos de los monasterios de San Vicente del Pino (en Monforte) y de Montederramo se comprueba que, las riberas de Val do Frade y O Ibedo pertenecían al monasterio de Montederramo y viñas de la Ribeira de Os Lagares pertenecían a San Vicente. Los vinos elaborados se transportaron a los citados monasterios, a Montederramo pasando por la parroquia de Torbeo después de cruzar el Sil en barcas desde Barxa a la Cubela y a San Vicente pasando por la parroquia de Rozavales.

 
 
 
 
DA RONCESVALLES A ROZAVALES
BREVI NOTE SU RONCESVALLES

È confermato che i pellegrini provenienti da oltre i Pirenei sono arrivati a Compostela dal X secolo.

La fondazione e lo sviluppo di Roncisvalle sono direttamente collegati al Cammino di Santiago.

Santa María de Roncesvalles era l'ospedale e il centro di cura più emblematici dell'intero Camino de Santiago e insieme a Roma, Gerusalemme e Compostela è stato uno dei luoghi più significativi per i pellegrini cristiani.

Il Codex Calixtinus è stato scritto a metà del XII secolo e nel libro V sono descritte le principali rotte che hanno attraversato la Francia: la Turonense originaria di Tours, la Lemovicense che inizia a Limoges, la Podense che inizia a Le Puy e quella di Tolosa Tolosa con la strada per Roma. I primi tre convergono a Ostabat prima di attraversare i Pirenei attraverso il passo Ibañeta (1066 m.); il quarto è stato fatto da Somport (1632 m.).

Da Ostabat, passando per San Jean Pied de Port, i pellegrini si sono divisi in due gruppi, alcuni salivano a poco a poco al passo Lepoeder e altri attraversavano la valle di Valcarlos prima di affrontare i ripidi pendii che portano a Ibañeta. Nelle vicinanze di San Salvador de Ibañeta le due strade si sono incontrate.

Mapa de los caminos de Santiago en Franc

Seguendo il motto "Ero ospite e mi avete ricevuto" (Vangelo di San Mateo 25, 35), iniziarono a essere fondati ospedali e monasteri per assistere spiritualmente e fisicamente i pellegrini che transitavano per il passo di Ibañeta.

Ci sono opinioni che difendono che l'ospedale e il monastero di Roncisvalle furono creati prima del XII secolo, ma ci sono solo citazioni inaffidabili. Sebbene i rifugi e le chiese siano documentati nell'XI secolo, nessuno di loro fu un predecessore di quello di Roncisvalle. Ad esempio, nell'XI secolo c'erano una chiesa e un ospedale nel

.

Popolazione Ronzasvals (attuale Burguete)

che dopo successive donazioni nel 1219 fu donato ai canonici di Roncisvalle.

C'era anche il "monastero nobile e reale" di Ibañeta, consacrato a San Salvador, che finì per essere acquisito dal priorato di Roncisvalle nel 1271.

Burguete-San Nicolas de Bari-WEB.jpg

Dall'inizio del XII secolo, il monastero di Ibañeta e l'ospedale di Ronzasvals iniziarono a essere insufficienti per assistere il crescente numero di pellegrini, quindi,

.

Sancho de Larrosa (è indicato anche come Sancho de Rosas)

Vescovo di Pamplona dal 1122 fino alla sua morte nel 1142, fondò nel 1127 (secondo la maggior parte degli autori) una "casa di accoglienza per pellegrini e bisognosi" per la quale ebbe la collaborazione del re Alfonso-I el Batallador, nobili e privati. La Lettera di fondazione e dote dell'ospedale e della chiesa di Roncisvalle afferma che migliaia di pellegrini sono morti a causa delle tempeste di neve e degli attacchi dei lupi. Inizialmente situato "all'apice del monte chiamato Roncisvalle", nel 1132 fu spostato nella sua attuale posizione ai piedi del colle.

Panoramica-Roncesvalles-WEB.jpg

Sancho de Larrosa creò una confraternita di laici ed ecclesiastici (monaci della regola di San Agustín) e scrisse alcune Ordinazioni (Disposizioni) che avrebbero assicurato il suo buon governo. La confraternita non bastò e nel 1135 fu posta a capo dell'ospedale una collegiata di canonici, presieduta dal priore Sancho.

Nel 1137 papa Innocenzo II prese Roncisvalle sotto la sua protezione. Il Codex Calixtino descrive che negli anni Quaranta del Novecento era pienamente operativo e la religiosità del tempo portò a grandi donazioni all'ospedale da tutta l'Europa occidentale. Furono costruiti edifici per l'ospedale, la chiesa, il chiostro e le dipendenze per i monaci, una parrocchia per i vicini, magazzini, un'impresa di pompe funebri con una cappella per i defunti. Nel corso dei secoli sono stati costruiti nuovi edifici che in alcuni casi hanno distrutto quelli originari.

Vista de Roncesvalles-WEB.jpg
Interior de la Colegiata de Roncesvalles

Fin dall'inizio, la comunità dei canonici adorò Santa María, capo del tempio. La devozione alla Vergine dei Pirenei si diffuse in tutto il regno della Navarra e oltre i confini.

.

Sono state fatte donazioni da tutta l'Europa occidentale:

Aragona, Guipúzcoa, La Rioja, Castiglia, León, Valencia, Andalusia, Portogallo, Guascogna, Linguadoca, Borgogna, Champagne, Inghilterra e Italia. Di conseguenza, Roncisvalle aveva case, ad esempio, a Saragozza, Soria, Valencia, Siviglia, Tolosa, Montpellier, Londra, Bologna

e nella parrocchia di Rozavales.

Nuevo Hospital-Albergue-WEB.jpg
IL CABILDO DI COMPOSTELA INVESTE NEL TERRITORIO FRANCESE

Entre 1332 y 1335 se celebra un juicio entre el Obispado de Bayona y el Monasterio de Roncesvalles.

El obispado de Bayona presenta una demanda contra los canónigos de Roncesvalles, los cuales para defenderse presentan 13 escrituras. En la primera de ellas, se demuestra que, desde el 22 de agosto de 1189,  la iglesia y el hospital de San Vicente ya no pertenecen a la abadía de Leyre pues, junto con la iglesia de San Miguel se entregan al arzobispado de Compostela. Los hermanos del hospital hicieron votos idénticos a los de la Orden de San Juan de Jerusalén, pusieron la cruz de Santiago en sus hábitos y pasaron a obedecer al representante de Compostela en Gascuña.

Carta-Juicio-WEB.jpg

El pergamino de la Carta del juicio ha sido reproducido en un libro por V. Dubarat y J. B. Daranatz.

Portada-3-WEB.jpg

En la segunda escritura se demuestra que, el 10 de julio de 1246 se produce un intercambio de dos propiedades entre el arzobispo de Compostela y Roncesvalles. Compostela entrega la iglesia de San Vicente de Cisa, situada cerca de San Miguel el Viejo en la Baja Navarra, con su hospital y todas sus pertenencias, a cambio de Santa María de Salvador situada cerca de Monforte en la diócesis de Lugo y donada a Roncesvalles por el rey Alfonso IX de León, con todas sus posesiones y derechos.

IL CABILDO DI COMPOSTELA INVESTE NEL TERRITORIO FRANCESE

A metà del XII secolo e per promuovere il pellegrinaggio a Compostela, il capitolo della Cattedrale di Santiago si stabilì nella Guascogna francese, mantenendovi un rappresentante. Il 22 agosto 1189 metà della chiesa di San Vicente de Pied de Mont fu donata a Santiago de Compostela. I fratelli dell'ospedale Saint Vincent de Cize, annesso alla chiesa di San Miguel, divennero dipendenti da Compostela.

Una bolla di papa Alessandro III ha confermato la suddetta dipendenza

Bula Alejandro III-1.jpg
Bula Alejandro III-2.jpg

A metà del XII secolo e per promuovere il pellegrinaggio a Compostela, il capitolo della Cattedrale di Santiago si stabilì nella Guascogna francese, mantenendovi un rappresentante. Il 22 agosto 1189 metà della chiesa di San Vicente de Pied de Mont fu donata a Santiago de Compostela. I fratelli dell'ospedale Saint Vincent de Cize, annesso alla chiesa di San Miguel, divennero dipendenti da Compostela.

Acta donacion-1+2-frances-WEB.jpg
Acta donacion 1+2-latin-WEB.jpg
LA CHIESA PARROCCHIALE DI ROZAVALES
APPARTENUTO ALL'ORDINE DI RONCESVALLES

In un documento conservato nel Tumbo B della Cattedrale di Santiago, di cui esiste un'edizione pubblicata da María Teresa González Balasch nel 2004 e il cui riferimento di pubblicazione è:

GONZÁLEZ BALASCH, María T., Tumbo B de la Catedral de Santiago, Santiago de Compostela, Cabildo de la SAMI Catedral - Seminario de Estudios Gallegos, 2004, pp. 107-108.

E la firma del volume e del documento in Archivio è: ACS, CF33, fols. 16v-17r.

si manifesta questo

Il 17 aprile 1193, il re Alfonso IX (grande promotore del Camino de Santiago)

concede la Chiesa di Santa María del Salvador all'Hospital de Roncesvalles.

.

Tumbo B-1-WEB.jpg
Cesion de la Iglesia a Roncesvalles.jpg

Nel testo latino si dice che la donazione sia avvenuta nell'anno 1231, ma poiché fino al XV secolo nella parte occidentale della penisola iberica si usava iniziare a contare gli anni nell'anno 38 a.C., sarà necessario di sottrarre 38 per ottenere la contabilità corrente, quindi, la donazione è avvenuta nell'anno 1193 d.C., cosa già fatta da María Teresa González Balash all'inizio del documento.

Nell'indicare la data si fa riferimento al luogo come "Pinum" cioè "Pino" che è il nome che Monforte aveva fino a quando Alfonso IX lo cambiò in Monfort. Cosa che i Benedettini di Monforte non fecero, poiché il monastero ha continuato a chiamarsi "San Vicente del Pino".

D'altra parte, il documento, in latino, si riferisce a Roncisvalle come “Roscidavale” e chiama la Chiesa Santa María del Salvador.

Poco più in basso si può vedere un documento in cui si dice che si trovi questa chiesa

nell'episcopato di Lugo, terra di Lemos, in una località vicino a Montem fortem.

PUNTEGGIO DI NICANOR RIELO CARBALLO
Nicanor Rielo Carballo.jpg

L'etnografo ed esperto di arte romanica della provincia di Lugo, Nicanor Rielo Carballo nell'opera "Inventario artistico di Lugo e provincia" pubblicata tra il 1975 e il 1983, realizzata in collaborazione con Elías Valiña Sampedro (ricercatrice e promotrice dei percorsi Santiago) , Santos San Cristóbal Sebastián e José Manuel González Reboredo, menziona una tradizione secondo la quale a Rozavales c'era un ospedale per pellegrini

Rozavales-Inventario-4.jpg
SCAMBIO TRA L'ARCIVESCOVO DI COMPOSTELA E IL PRECEDENTE DI RONCESVALLES DELLA CHIESA DI ROZAVALES CON UNA CHIESA FRANCESE

Il 23 settembre 2020 alle 19:59, ricevo un'e-mail da Bertrand Saint Macary (presidente dell'Associazione degli amici del Camino de Santiago nei Pirenei atlantici) in cui mi rendo conto che c'è un atto del 10 luglio 1246, con il quale, c'è uno scambio di due proprietà tra l'Arcivescovo di Compostela e il Priore di Santa María de Roncesvalles, con il quale l'Arcivescovo di Compostela e il suo capitolo assegnano o scambiano con il Priore e la comunità de Roncesvalles, la chiesa di San Vicente con il suo ospedale, i suoi diritti e tutte le sue dipendenze, situato vicino alla vecchia San Miguel (Francia) e proprietà di Compostela, con la chiesa di Santa María del Salvador, con i suoi possedimenti, le sue eredità, i suoi diritti e tutte le sue dipendenze, situata nel vescovado di Lugo nel territorio di Lemos vicino al Mont Fort Proprietà di Roncesvalles. La domanda è stata resa pubblica in una presentazione all'Università di Navarra. Mi mandi una copia della trascrizione della scrittura in latino, francese e spagnolo.

Duranat-Intercambio1-WEB.jpg
Duranat-Intercambio2-WEB.jpg
Duranat-Intercambio3-WEB.jpg

Il 23 settembre 2020 alle 19:59, ricevo un'e-mail da Bertrand Saint Macary (presidente dell'Associazione degli amici del Camino de Santiago nei Pirenei atlantici) in cui mi rendo conto che c'è un atto del 10 luglio 1246, con il quale, c'è uno scambio di due proprietà tra l'Arcivescovo di Compostela e il Priore di Santa María de Roncesvalles, con il quale l'Arcivescovo di Compostela e il suo capitolo assegnano o scambiano con il Priore e la comunità de Roncesvalles, la chiesa di San Vicente con il suo ospedale, i suoi diritti e tutte le sue dipendenze, situato vicino alla vecchia San Miguel (Francia) e proprietà di Compostela, con la chiesa di Santa María del Salvador, con i suoi possedimenti, le sue eredità, i suoi diritti e tutte le sue dipendenze, situata nel vescovado di Lugo nel territorio di Lemos vicino al Mont Fort Proprietà di Roncesvalles. La domanda è stata resa pubblica in una presentazione all'Università di Navarra. Mi mandi una copia della trascrizione della scrittura in latino, francese e spagnolo.

bbertrand-saint-macary.jpg
Bertrand SainT Macary-texto.jpg

L'Associazione degli Amici di

Camino de Santiago nei Pirenei atlantici

è stato il Premio Elías Valiña 2019,

in condivisione con

l'Associazione giacobina di Almería, Camino Mozárabe

Premio_Elias_Valiña_2019b-WEB.jpg

Il 23 settembre 2020 alle 19:59, ricevo un'e-mail da Bertrand Saint Macary (presidente dell'Associazione degli amici del Camino de Santiago nei Pirenei atlantici) in cui mi rendo conto che c'è un atto del 10 luglio 1246, con il quale, c'è uno scambio di due proprietà tra l'Arcivescovo di Compostela e il Priore di Santa María de Roncesvalles, con il quale l'Arcivescovo di Compostela e il suo capitolo assegnano o scambiano con il Priore e la comunità de Roncesvalles, la chiesa di San Vicente con il suo ospedale, i suoi diritti e tutte le sue dipendenze, situato vicino alla vecchia San Miguel (Francia) e proprietà di Compostela, con la chiesa di Santa María del Salvador, con i suoi possedimenti, le sue eredità, i suoi diritti e tutte le sue dipendenze, situata nel vescovado di Lugo nel territorio di Lemos vicino al Mont Fort Proprietà di Roncesvalles. La domanda è stata resa pubblica in una presentazione all'Università di Navarra. Mi mandi una copia della trascrizione della scrittura in latino, francese e spagnolo.

Bertrand-visita Iglesia-1-WEB.jpg
Bertrand-visita Iglesia-2-WEB.jpg
 
 
TOPONIMIA DI ROZAVALES
Rubin-2-WEB.jpg

Nicandro Ares Vázquez, eminente filologo e membro della Reale Accademia Galiziana, tra i suoi numerosi lavori ha pubblicato sulla rivista Lucensia delle Biblioteche del Seminario Diocesano di Lugo nel 2006, un'opera dal titolo "Toponimia do Concello de Monforte de Lemos" in cui si occupa della toponomastica di tutti i paesi e località del comune di Monforte de Lemos e mette in relazione la toponomastica di Rozavales con quella di Roncesvalles.

Lucensia-WEB.jpg
Sumario de Lucensia-WEB.jpg
Portada-Trabajo-Nicandro-WEB.jpg

Nella toponomastica Rozavales scrive, tra le altre cose, quanto segue:

<< Nel 1220 Alfonso IX condannò in una causa che aveva il monastero di Santo Estevo de Ribas de Sil:

"Cum fratribus de Runciavalle , super quodam casale a Sauto"

Nel 1227 Marina Petri scrive nel suo testo

"Ad cofrariam de Rozavales I solidum"

Nel 1257 il sacerdote Petrus Iuliani scrisse nel suo testamento:

"Ad confratriam sancte Marie de Rozavalles I solidum"

In un altro testamento del XIII secolo, Iohannes Lupi dice:

" Ronciavallibus III comando solido"

Nel 1413, Lourenzo Dominguez comandava:

"Confreía de Santa María de Guadalupe e de Roçavales , senllos moravedis".

Ronca Vallis è citata nell'indice.

Alcune di queste forme assomigliano a Roncisvalle, una gola nei Pirenei >>.

E continua:

scrive de Roncesvalles Machado [DOELP] << la forma precedente era quindi Ronçavales --- forse di Ronça [slvales. Questa è un'ipotesi, ma per Carolina Michaêlis è la stessa di Roncavalis. Nella canzone di Roland è Roncesvals ... e da qui le Roncesvalles spagnole e le Roncesvales portoghesi, che è la forma moderna. L'origine della spagnola Roncisvalle e dell'antica Roncisvalle francese, moderna Roncevaux, è nel latino rumicis vallis, "valle di spine" o "valle di azeda (s)". Si noti che nel nord del Portogallo c'era una città chiamata Rozavales o Rozovalibus o Rozovallis nel 1258 >>

.

DOELP = JP Machado, Dizionario etimologico onomastico portoghese, Lisbona
1992.

aceda: è un "rumex" in spagnolo "vinaigrette".

Etimologia de Rozavales-WEB.jpg

(Sono grato a Francisco García Gondar per l'ubicazione delle varie opere sulla toponomastica)

STUDIO FILOLOGICO DI GONZALO NAVAZA

Il filologo e professore universitario Gonzalo Navaza, che è stato membro della Commissione per la toponomastica del governo galiziano, ha condotto uno studio sulla toponomastica di varie località galiziane: "A intervenção régia na medieval galega toponímia. Os nomes de Afonso IX (1188 1230) " .

Secondo la tesi di Gonzalo Navaza, i nomi di diverse città galiziane non sono ereditati dall'antica toponomastica, ma da creazioni medievali imposte dal re Alfonso IX al momento della concessione del suo foro o statuto demografico. Per Navaza, nel caso di Rozavales non vi è alcun atto amministrativo che imponga il cambio di nome, ma in realtà la donazione della chiesa di Santa María de Salvador all'Hospital de Roncesvalles ha fatto sì che i vecchi parrocchiani di "Santa María de Salvadur" diventare noto come "Roçavales".

Il nome del toponimo dei Pirenei navarresi (in portoghese Roncesvales, in spagnolo Roncesvalles, Aragonese Ronzesbals, francese Roncevaux, basco Orreaga) in galiziano medievale presenta sempre la forma Roçavales, interpretata come un composto di "roçar" e il plurale di " vale "e così si legge in tutta la letteratura medievale e in prosa notarile.

.

Navaza-1-WEB.jpg
Navaza-1b-WEB.jpg

Navaza continua a sostenere che l'ortografia "Salvador" con cui compare il toponimo nel testo latino della donazione della chiesa all'ospedale di Roncesvalles corrisponde in realtà a "Salvadur" che è ancora oggi il nome di una delle località dei parrocchiani di Rozavales .

.

È stata una popolazione importante in un passato molto remoto come è menzionata nelle divisioni territoriali del VI secolo della Cattedrale di Lugo e nel Liber Fidei di Braga (ad Cairocam [= Quiroga] in directum et alia parte levat se in Salvatur, CODOLGA ).

Possiamo anche considerare un'indicazione dell'importanza del vecchio toponimo il fatto che la vicina parrocchia di Vilachá continua a essere chiamata Vilachá de Salvadur oggi nella lingua orale (non ufficiale).

In un'intervista a The Voice of Galicia, Gonzalo Navaza afferma:

Rozavales è senza dubbio un toponimo giacobino al 100% in quanto ha un rapporto diretto con il pellegrinaggio a Santiago. E a Rozavales c'era un ospedale per pellegrini governato dall'Ordine di Roncisvalle.

OTRAS INVESTIGACIONES QUE CONFIRMAN QUE
ROZAVALES ESTÁ EN UNA RUTA DE PEREGRINACIÓN A SANTIAGO
STA. MARÍA DE ROZAVALES ALLA LUCE DEL CATASTRO DI ENSENADA

Vari toponimi come “Encrucillada” rivelano che i parrocchiani avevano una rete stradale che doveva aver svolto un ruolo importante. La Encrucillada era ed è il luogo dove si trovava la strada da Vilachá e la strada carrozzabile da "Las Penelas" da "Barja" (Coto de Frojende-Villamarín) dove si trovava la barca che permetteva di attraversare il fiume Sil da Torbeo o Castro Caldelas verso Monforte o viceversa.

El Madoz, raccoglie, a metà Ottocento, l'esistenza di questa strada, specificando che è brutta ma che porta ad una barca che permette di attraversare il fiume Sil.

Vari toponimi come “Encrucillada” rivelano che i parrocchiani avevano una rete stradale che doveva aver svolto un ruolo importante. La Encrucillada era ed è il luogo dove si trovava la strada da Vilachá e la strada carrozzabile da "Las Penelas" da "Barja" (Coto de Frojende-Villamarín) dove si trovava la barca che permetteva di attraversare il fiume Sil da Torbeo o Castro Caldelas verso Monforte o viceversa.

El Madoz, raccoglie, a metà Ottocento, l'esistenza di questa strada, specificando che è brutta ma che porta ad una barca che permette di attraversare il fiume Sil.

Nicanor Rielo Carballo.jpg
Inventario artistico lugo y provincia-1.
Rozavales-Inventario-1.jpg
STA. MARÍA DE ROZAVALES ALLA LUCE DEL CATASTRO DI ENSENADA

Rosa María Guntiñas Rodríguez , nella sua ricerca nel Catasto Ensenada sulla congregazione di Santa María de Rozavales, giunge, tra le altre, alle seguenti conclusioni :

 

I dati forniti dal Catasto Ensenada rivelano che furono i monaci ripopolanti del Medioevo (cluniacensi / dominio di S. Benito) e le famiglie ispano-gotiche che dovettero ripopolare il termine della parrocchia dopo l'invasione musulmana (711) e si sarebbero uniti Successivamente, l'Ordine Militare di Santiago (Encomienda de la Barra / monaci-caballeros / sovrano di S. Agustín) che avrebbe occupato dal XII al XIII secolo le zone reali più estreme e montuose accompagnato da alcune famiglie di contadini-bovari - guerrieri di aree cristiane (migranti che andavano e venivano in cerca di rifugio, mezzi di sussistenza e, allo stesso modo, disposti a difendersi da ogni possibile minaccia).

 

Da qui la presenza dell'Ordine Militare di Santiago al quale, nel XII secolo, i re di León e magnati ecclesiastici (Alfonso VII e il Vescovo di Ourense, D.Adán) con il consenso degli abati benedettini (cluniacense / cistercense ), cedono Santa María con i loro beni, sia per proteggerla dalle "rapine" e dai saccheggi della nobiltà, sia per svolgere lavori di aiuto e assistenza sulle strade o strade utilizzate dai pellegrini a Santiago e dai viaggiatori in genere.

Vari toponimi come “Encrucillada” rivelano che i parrocchiani avevano una rete stradale che doveva aver svolto un ruolo importante. La Encrucillada era ed è il luogo dove si trovava la strada da Vilachá e la strada carrozzabile da "Las Penelas" da "Barja" (Coto de Frojende-Villamarín) dove si trovava la barca che permetteva di attraversare il fiume Sil da Torbeo o Castro Caldelas verso Monforte o viceversa.

El Madoz, raccoglie, a metà Ottocento, l'esistenza di questa strada, specificando che è brutta ma che porta ad una barca che permette di attraversare il fiume Sil.

La encrucillada.jpg
Camino de las Penelas.jpg

Vicino all'incrocio si trovano i luoghi di "Salvadur" (in cui la Cappella della Virgen de la O (chiesa parrocchiale di S. Julián de Tor) aveva due case) e "Rubín" (in cui l'Encomienda de la Barra (Ordine militare di Santiago) aveva altre due case).

Il toponimo "Salvadur" sembra indicare che si trattasse di un piccolo ostello-ospedale o di assistenza ai bisognosi e al pellegrino.

Rubin1.jpg
Casa de Rubin.jpg

Inoltre, poiché i parrocchiani sono vicini al luogo in cui si trovava la barca che consentiva di attraversare il fiume Sil, si intende la presenza dell'Ordine di Santiago (Encomienda de la Barra) nella parrocchia perché gli Ordini Militari erano soliti monitorare i luoghi più pericolosi , come l'attraversamento di fiumi e porti e, in generale, gli estesi domini reali di difficile occupazione e controllo, in linea con la religiosità popolare emersa nel Medioevo, la cui forma più visibile era il pellegrinaggio, secondo l'opera di S. Agostino che ha sviluppato l'idea che la vita fosse solo un percorso, un pellegrinaggio nell'aldilà. A questo lavoro collaborarono anche i monaci cluniacensi in abiti neri del monastero di San Vicente del Pino, proprietari di parte delle fertili terre dei parrocchiani.

 

D'altra parte, alcuni tratti di spesa nel 1809 suggeriscono che il contingente di truppe francesi guidato dal generale francese Soult, si recasse da Monforte de Lemos verso Torbeo passando per Rozavales e la carrozzabile delle "Penelas" per accedere al barca che ha permesso loro di attraversare il fiume Sil, una barca che hanno distrutto.

A Cubela-WEB.jpg
Zona de la Covela-WEB.jpg

Per tutti questi motivi, si può dire che Rozavales, come Vilachá, era uno di quei punti "sensibili" di entrata e di uscita dalla Galizia fin dall'antichità, e una delle rotte seguite da soldati, mercanti e pellegrini, da qui la presenza del ripopolamento cluniacense, di Santiago e straniero.

Appare quindi evidente che una delle cosiddette vie secondarie del Cammino di Santiago sarebbe passata per i parrocchiani poiché, almeno fino alla metà del XIX secolo, passava quella via di comunicazione che collegava Torbeo (Castiglia) e Castro Caldelas (Ourense). / Portogallo) con Monforte de Lemos (Lugo / Castilla) attraverso una barca che permetteva di attraversare il fiume Sil e si collegava con la “Encrucillada” de Rozavales dove confluiva la strada da Vilachá, (forse un'antica strada romana, in i cui margini sarebbero sorti i luoghi di "Cacabelos" e "Salvadur"), e la strada carrozzabile delle "Penelas", che costeggiava il luogo di "Rubín", provenendo da "Barja" (Villamarín).

 
 
PEÑAS DE SANTA LUCÍA

JOSÉ ZORRILLA

Por cima de la montaña
que nos sirve de frontera,
te envía un alma sincera
un beso y una canción;
tómalos; que desde España
han de ir a dar, vida mía,
en tu alma mi poesía,
mi beso en tu corazón.
Tu padre, tras la montaña
que para ambos no es frontera,
lleva la amistad sincera
del autor de esta canción.

Recibe, pues, desde España
beso y cantar, vida mía,
en tu alma la poesía
y el beso en el corazón.
Si un día de esa montaña
paso o pasas la frontera,
verás el alma sincera
de quien te hace esta canción,
que la hidalguía de España
es quien sabe, vida mía,
dar al alma poesía
y besos al corazón.

Adiacente alla Chiesa di Rozavales, si trova la montagna comunale di “Sta. Lucía "o" Peñas de Sta. Lucía "da cui, per diversi chilometri, si domina l'intero ambiente dei parrocchiani e si ha anche una vista diretta del monastero di San Vicente del Pino e del Castello dei Condes de Lemos a Monforte. Las Peñas sembra essere un antico tempio pagano e un luogo di pellegrinaggio e da visitare “ribattezzato e cristianizzato”, forse dai monaci di Cluny. Va tenuto presente che la festa di Santa Lucia si celebra il 13 dicembre e nel Medioevo, a causa del ritardo accumulato dal calendario giuliano, coincideva con il solstizio d'inverno, che era un periodo di rinnovamento e di rinascita (per rinnovare e rinascere il sole dopo la sua graduale morte iniziata nel solstizio d'estate) che ha comportato celebrazioni e riti in vari popoli e culture.

Cotas de Montaña-WEB.jpg
Niebla-Peñas-WEB.jpg
Placas solares-WEB.jpg

Adiacente alla Chiesa di Rozavales, si trova la montagna comunale di “Sta. Lucía "o" Peñas de Sta. Lucía "da cui, per diversi chilometri, si domina l'intero ambiente dei parrocchiani e si ha anche una vista diretta del monastero di San Vicente del Pino e del Castello dei Condes de Lemos a Monforte. Las Peñas sembra essere un antico tempio pagano e un luogo di pellegrinaggio e da visitare “ribattezzato e cristianizzato”, forse dai monaci di Cluny. Va tenuto presente che la festa di Santa Lucia si celebra il 13 dicembre e nel Medioevo, a causa del ritardo accumulato dal calendario giuliano, coincideva con il solstizio d'inverno, che era un periodo di rinnovamento e di rinascita (per rinnovare e rinascere il sole dopo la sua graduale morte iniziata nel solstizio d'estate) che ha comportato celebrazioni e riti in vari popoli e culture.

Niebla sobre el cañon-WEB.jpg

(Clic para ampliar imagen)

PEÑAS DE SANTA LUCÍA

Adiacente alla Chiesa di Rozavales, si trova la montagna comunale di “Sta. Lucía "o" Peñas de Sta. Lucía "da cui, per diversi chilometri, si domina l'intero ambiente dei parrocchiani e si ha anche una vista diretta del monastero di San Vicente del Pino e del Castello dei Condes de Lemos a Monforte. Las Peñas sembra essere un antico tempio pagano e un luogo di pellegrinaggio e da visitare “ribattezzato e cristianizzato”, forse dai monaci di Cluny. Va tenuto presente che la festa di Santa Lucia si celebra il 13 dicembre e nel Medioevo, a causa del ritardo accumulato dal calendario giuliano, coincideva con il solstizio d'inverno, che era un periodo di rinnovamento e di rinascita (per rinnovare e rinascere il sole dopo la sua graduale morte iniziata nel solstizio d'estate) che ha comportato celebrazioni e riti in vari popoli e culture.

Valle Lemos desde Peñas Santa Lucia-2-WE
Acropolis Monfortina desde Peñas Santa L
Valle Lemos desde Peñas Santa Lucia-WEB.

Adiacente alla Chiesa di Rozavales, si trova la montagna comunale di “Sta. Lucía "o" Peñas de Sta. Lucía "da cui, per diversi chilometri, si domina l'intero ambiente dei parrocchiani e si ha anche una vista diretta del monastero di San Vicente del Pino e del Castello dei Condes de Lemos a Monforte. Las Peñas sembra essere un antico tempio pagano e un luogo di pellegrinaggio e da visitare “ribattezzato e cristianizzato”, forse dai monaci di Cluny. Va tenuto presente che la festa di Santa Lucia si celebra il 13 dicembre e nel Medioevo, a causa del ritardo accumulato dal calendario giuliano, coincideva con il solstizio d'inverno, che era un periodo di rinnovamento e di rinascita (per rinnovare e rinascere il sole dopo la sua graduale morte iniziata nel solstizio d'estate) che ha comportato celebrazioni e riti in vari popoli e culture.

Peñas de Santa Lucia-junio 2021-WEB.jpg

Nella parete rocciosa sono presenti sezioni longitudinali scolpite e inclinate da destra a sinistra (non accessibili) che sono state battezzate come "le scale del rovescio" il che fa intuire che il loro scopo fosse, forse di natura rituale, quello di "visualizzare" il traiettoria dei raggi del Sole all'alba del solstizio d'inverno, cioè la risurrezione del dio Sole e la rinascita della Vita dopo la Morte.

Escalones-WEB.jpg

Pertanto, Sta. María de Rozavales era già una via di pellegrinaggio prima di essere una delle vie di pellegrinaggio secondarie a Santiago.

Nella parete rocciosa sono presenti sezioni longitudinali scolpite e inclinate da destra a sinistra (non accessibili) che sono state battezzate come "le scale del rovescio" il che fa intuire che il loro scopo fosse, forse di natura rituale, quello di "visualizzare" il traiettoria dei raggi del Sole all'alba del solstizio d'inverno, cioè la risurrezione del dio Sole e la rinascita della Vita dopo la Morte.

Nella parete rocciosa sono presenti sezioni longitudinali scolpite e inclinate da destra a sinistra (non accessibili) che sono state battezzate come "le scale del rovescio" il che fa intuire che il loro scopo fosse, forse di natura rituale, quello di "visualizzare" il traiettoria dei raggi del Sole all'alba del solstizio d'inverno, cioè la risurrezione del dio Sole e la rinascita della Vita dopo la Morte.

Peñas Santa Lucia-Beatriz-WEB.jpg
Peñas Santa Lucia-Rozavales-WEB.jpg
CULTURA GALICIA-TEMPLOS EN ROCAS.jpg
Peñas Santa Lucia-Peciña-WEB.jpg

D'altra parte, secondo una tradizione orale popolare, che è stata mantenuta tra i vicini fino al XX secolo, il luogo delle Peñas de Santa Lucía, fu battezzato dai suoi antenati con il nome di "As Mouras", un nome legato al " mouros ”(personaggi tipici delle leggende galiziane). Mouros in Galizia significa vecchio o sconosciuto e quindi fantastico. Di conseguenza, si è trasmessa di generazione in generazione l'idea che il luogo fosse abitato da persone di etnia, cultura e religione diverse. Allo stesso modo, il fatto che il femminile e non il maschile sia usato per designarlo, può essere interpretato in questo modo, sarebbe una sorta di santuario frequentato da donne (sacerdotesse?) E / o dedicato a divinità femminili e legate al culto alla morte e alla vita immortale nell'aldilà.

Tutto quanto sopra giustificherebbe la creazione della Chiesa di Rozavales, data l'usanza della Chiesa cattolica di convertire le festività pagane in quelle cristiane.

PEÑAS DE SANTA LUCÍA
Peñas de Santa Lucia-Caminos-WEB.jpg

D'altra parte, secondo una tradizione orale popolare, che è stata mantenuta tra i vicini fino al XX secolo, il luogo delle Peñas de Santa Lucía, fu battezzato dai suoi antenati con il nome di "As Mouras", un nome legato al " mouros ”(personaggi tipici delle leggende galiziane). Mouros in Galizia significa vecchio o sconosciuto e quindi fantastico. Di conseguenza, si è trasmessa di generazione in generazione l'idea che il luogo fosse abitato da persone di etnia, cultura e religione diverse. Allo stesso modo, il fatto che il femminile e non il maschile sia usato per designarlo, può essere interpretato in questo modo, sarebbe una sorta di santuario frequentato da donne (sacerdotesse?) E / o dedicato a divinità femminili e legate al culto alla morte e alla vita immortale nell'aldilà.

Tutto quanto sopra giustificherebbe la creazione della Chiesa di Rozavales, data l'usanza della Chiesa cattolica di convertire le festività pagane in quelle cristiane.

Peñas Santa Lucía-1-WEB.jpg

(Click en cada Imagen para ampliarla)

D'altra parte, secondo una tradizione orale popolare, che è stata mantenuta tra i vicini fino al XX secolo, il luogo delle Peñas de Santa Lucía, fu battezzato dai suoi antenati con il nome di "As Mouras", un nome legato al " mouros ”(personaggi tipici delle leggende galiziane). Mouros in Galizia significa vecchio o sconosciuto e quindi fantastico. Di conseguenza, si è trasmessa di generazione in generazione l'idea che il luogo fosse abitato da persone di etnia, cultura e religione diverse. Allo stesso modo, il fatto che il femminile e non il maschile sia usato per designarlo, può essere interpretato in questo modo, sarebbe una sorta di santuario frequentato da donne (sacerdotesse?) E / o dedicato a divinità femminili e legate al culto alla morte e alla vita immortale nell'aldilà.

Tutto quanto sopra giustificherebbe la creazione della Chiesa di Rozavales, data l'usanza della Chiesa cattolica di convertire le festività pagane in quelle cristiane.

CASTRO "O CASTRELADO"

También denominado "Pena do Castelo" se encuentra en la Sierra de Salvadur a 764 msnm. La localidad más cercana es Salgueiros de la parroquia de Santa María de Rozavales perteneciente al municipio de Monforte de Lemos.

Un 70% de su superficie pertenece al municipio de Monforte de Lemos y el resto al municipio de Puebla del Brollón.

Según trabajos del arqueólogo Iván Sánchez ocupa una superficie de 6500 m2. . Estima que es de la edad del hierro. Se conservan en buenas condiciones dos murallas de planta oval que integran dentro de sí las peñas naturales existentes y varios fosos.

Según la página WEB de la Asociación de Vecinos de Vilachá, las piedras del interior han sido llevadas por los vecinos de Vilachá para construir muros de los pataos (bancal con más de dos hileras de cepas) y paredes (bancal con una hilera de cepas) de las viñas. Otros opinan que las piedras de los pataos y paredes procedían del propio terreno en que se encuentra la viña.

Mapa Castrelado-WEB.jpg
O Castrelado-1956-WEB.jpg
RELATOS DE VECINOS
  • Hay una roca con el aspecto de un asiento como si alguien lo hubiera tallado.

  • Hay unas vistas impresionantes hacia Rubín, Castro Caldelas, Puebla del Brollón y parte del Castillo de Monforte.

  • La tradición oral siempre lo situó en Monforte, y eran los vecinos de Salgueiros por proximidad, los que aprovechaban su uso (pastoreo, leña, labranza...), es más, siempre se le llamó el castro de Salgueiros.

  • Según vecinos, en un inventario de la Xunta sobre el Castrelado, lo documentan como un Castro dominante posiblemente del siglo II, no se puede acceder a su interior por el estado de conservación, pero aún hoy se aprecia el foso y se puede caminar sobre su muralla.

  • Fuera de la muralla, se pueden ver restos de una pequeña pared de forma circular.

  • Dentro había como una cueva con paredes en la que nos metíamos los niños y las personas mayores decían que allí se escondían los mouros.

  • Otros comentan que se han recogido monedas y cerámica en el lugar.

Castrelado-Vilacha-WEB.jpg