Indice.jpg

STRADA INVERNALE PER SANTIAGO ATTRAVERSO LA RIBEIRA SACRA

STRADA INVERNALE PER SANTIAGO ATTRAVERSO LA RIBEIRA SACRA

Logo-Caminos a Santiago-WEB.jpg
(Ultimo aggiornamento: 18-04-2021)
 
INDICE - CAMINO DE SANTIAGO
COMUNE A TUTTE LE ROTTE
INDICE - CAMINO DE SANTIAGO
COMUNE A TUTTE LE ROTTE
INDICE - CAMINO DE SANTIAGO
COMUNE A TUTTE LE ROTTE
INDICE - CAMINO DE SANTIAGO
COMUNE A TUTTE LE ROTTE
REQUISITI PER UN PERCORSO DA DICHIARARE CAMINO DE SANTIAGO

Affinché un percorso possa essere ufficialmente dichiarato Camino de Santiago, si ritiene necessario presentare documenti in cui siano giustificati i seguenti elementi:

  • Il percorso ha una storia documentata del passaggio dei pellegrini.

  • Il percorso ha una storia documentata di accoglienza dei camminatori attraverso ospedali o rifugi.

  • Altri documenti che favoriscono la dichiarazione ufficiale sono: c'erano strade romane prima che fossero vie di pellegrinaggio, sono stati trovati resti archeologici, segni specifici, culti e luoghi legati al pellegrinaggio (toponomastica, tradizioni locali, documentazione archivistica, letteratura ordeporica (sugli eventi e cose viste durante un viaggio, storie di pellegrini che si conservano), testi letterari, cartografia storica, ecc.

RECONOCIMIENTO OFICIAL DEL CAMINO DE INV
RECONOCIMIENTO OFICIAL DEL CAMINO DE INV

Affinché un percorso possa essere ufficialmente dichiarato Camino de Santiago, si ritiene necessario presentare documenti in cui siano giustificati i seguenti elementi:

  • Il percorso ha una storia documentata del passaggio dei pellegrini.

  • Il percorso ha una storia documentata di accoglienza dei camminatori attraverso ospedali o rifugi.

  • Altri documenti che favoriscono la dichiarazione ufficiale sono: c'erano strade romane prima che fossero vie di pellegrinaggio, sono stati trovati resti archeologici, segni specifici, culti e luoghi legati al pellegrinaggio (toponomastica, tradizioni locali, documentazione archivistica, letteratura ordeporica (sugli eventi e cose viste durante un viaggio, storie di pellegrini che si conservano), testi letterari, cartografia storica, ecc.

 
 
GIUSTIFICAZIONE DELLA VARIANTE CON "A CUBELA"

Il team guidato da Ramón Izquierdo Perrín ha stabilito il seguente percorso tra Quiroga e Monforte:

  Quiroga - San Clodio - Augas Mestas - Torbeo - A Cubela - Barxa - Vilachá - Rozavales - Villamarín - Monforte

Inizialmente, le sezioni Quiroga - San Clodio - Augas Mestas - Torbeo - A Cubela erano segnalate e continuano ad essere segnalate come Camino de Invierno. Succede che per andare da A Cubela a Barxa devi attraversare il fiume Sil. Dal Medioevo alla metà del Novecento sono state una o due le barche ad attraversare il fiume. Il crescente spopolamento dell'intera area a partire dagli anni '60 del XX secolo ha fatto scomparire la barca. Durante il processo di gestione per l'ufficializzazione della Winter Way, nessun Comune coinvolto ha voluto assumere la gestione di una barca per attraversare il Sil e per questo motivo è stato ideato il percorso: Quiroga - Barxa de Lor - Puebla del Brollón - Monforte . Sebbene la Xunta de Galicia non abbia ancora stabilito il percorso ufficiale, quest'ultimo percorso è quello promosso dalle autorità municipali interessate, loro sapranno il motivo. È una tappa che esce dal corso del fiume Sil e tutti coloro che l'hanno percorsa la considerano sproporzionata (più di 38 km) e con paesaggi che sminuiscono quelli del resto delle tappe.

Nelle sezioni seguenti, ti spiegherò perché dovresti tornare al percorso iniziale e fintanto che non viene messa una barca per attraversare il Sil, proporrò un altro percorso più breve (31 km) che segue il corso del fiume Sil per 14 km, con molto più fondamentali storico e con paesaggi molto più belli di quello promosso dalle autorità comunali.

Proporrò anche percorsi aggiuntivi per visitare i meandri di A Cubela e Barxa, uno dei luoghi più belli della Galizia e della Spagna, nonché un autentico giardino botanico e faunistico.

ROZAVALES EN UNA RUTA MEDIEVAL DEL VINO

En varios documentos medievales procedentes de los archivos de los monasterios de San Vicente del Pino (en Monforte) y de Montederramo se comprueba que, las riberas de Val do Frade y O Ibedo pertenecían al monasterio de Montederramo y viñas de la Ribeira de Os Lagares pertenecían a San Vicente. Los vinos elaborados se transportaron a los citados monasterios, a Montederramo pasando por la parroquia de Torbeo después de cruzar el Sil en barcas desde Barxa a la Cubela y a San Vicente pasando por la parroquia de Rozavales.

 
LA HUELLA ROMANA ENTRE AUGAS MESTAS Y LA CUBELA

Los romanos conquistaron Galicia hacia el año 25 a.C., sus huellas han llegado hasta nuestros días a través de la lengua, de edificios, de infraestructuras, de costumbres y decenas de minas de oro. Según Plinio el Viejo, “las montañas de Hispania, que son mayormente áridas y estériles y no producen nada, por fuerza tenían que producir oro”. Según Estrabón, “los ríos arrastran oro y las mujeres cavan y después de quitar las partes más gruesas con una especie de cesto entretejido, lo lavan en bateas”.

Un informe de Ancient World Mapping Center, el Stoa Consortium y el Institute for the Study of the Ancient World muestra que en España y Portugal, los romanos explotaron un número de minas de oro superior a cualquier otra provincia romana, y gran parte de ellas estaban en Galicia. Entre ellas, descubrieron que entre las Médulas y La Cubela (A Covela) había ricos filones auríferos que explotaron durante dos siglos y medio. Gran parte del oro extraído en Galicia circuló a lo largo del imperio en forma de monedas llamadas “áureos”.

Aureos-WEB.jpg

Actualmente, mediante el sistema LiDAR (teledetección laser acoplado a un avión o un dron) se escanea el terreno con la referencia geográfica suministrada por el sistema GPS.  Los datos obtenidos se representan mediante nubes de puntos, que mediante un programa adecuado permite construir el modelo cartográfico de una zona y examinar ciertas formas, como antiguos embalses o canales. Se pueden visualizar restos arqueológicos bajo las cubiertas de vegetación o zonas intensamente roturadas. De esta manera, se ha detectado el complejo sistema utilizado por los romanos para extraer el oro: galerías, canales, embalses y desvío de ríos.

Sistema Lida-webr.jpg

No existen datos precisos sobre las cantidades de oro que obtuvieron de las minas de la Gallaecia romana pero:

  • Según Cayo Plinio Segundo, se sacó en algún momento el 10% de los ingresos totales del imperio romano.

  • Según algunos estudios, en las Médulas fueron extraídos 96.000 kilogramos de oro.

  • Según investigadores del CSIC se extrajeron 190 toneladas de oro de las minas del noroeste español.

Se ha comprobado que el volumen de tierra explotado es mucho mayor del que se conocía. Tras sustraer el oro que había en los sedimentos superficiales, la explotación continuaba hasta alcanzar las rocas con los filones de cuarzo aurífero que había debajo.

MÉTODOS UTILIZADOS POR LOS ROMANOS PARA LA EXTRACCIÓN DE ORO

Los romanos utilizaron diversas técnicas en la extracción del oro y se ha comprobado que no fueron los primeros en utilizarlas.

Expertos en la materia, consideran que los sistemas de transporte y almacenamiento de agua se copiaron de los utilizados por la civilización egipcia en siglos anteriores.

Se han identificado tres métodos diferentes para obtener el oro dependiendo del material en que se encontraba:

LAVADO DE ARENAS

Cuando el oro se encontraba en las arenas de los ríos, llegando a realizarse el desvío del cauce de los ríos para trabajar directamente sobre el aluvión. Esto se hizo en Montefurado.

Los romanos sabían que el Sil arrastraba oro y para facilitar las tareas de extracción decidieron secar un meandro largo y estrecho. En la zona estrecha del meandro, hicieron un túnel de 120 metros de longitud, 19 de ancho y 17 de alto, para desviar el cauce del Sil. De esta manera secaron 2,5 Km del cauce original.

Mapa Montefurado-WEB.jpg

YACIMIENTOS PRIMARIOS O EXCAVACIÓN DE MINAS

Se realizaban pozos y galerías para llegar a las betas de oro. Sacaban el material por galerías secundarias que luego machacaban para posteriormente someterlo a un sistema de tostación con el que obtenían el oro.

Se ha utilizado en diversos lugares de Los municipios de Quiroga Y Ribas de Sil. Como en El Covallón y la Toca en el Caurel.

Según el arqueólogo Luis Francisco López González en los municipios de Quiroga y Ribas de Sil hay más de 100 yacimientos explotados por los romanos.

Mina del Covallon-WEB.jpg

YACIMIENTOS SECUNDARIOS O RUINA MONTIUM

Fue descrito por Plinio el Viejo. Se usaban grandes cantidades de agua para derrumbar amplias extensiones de terreno montañoso en el que se había comprobado que había oro. Los mineros excavaban extensos canales desde zonas de abastecimiento natural de agua o presas artificiales. Dichos canales desembocaban en túneles, tanto verticales como horizontales y comunicados entre sí, excavados en la montaña que quería desintegrarse. Los túneles estaban entubados con maderos a los cuales se les prendía fuego para elevar la temperatura de la roca y abriendo el paso al agua, gran cantidad de agua entraba en tromba en las galerías, comprimiendo el aire del interior y erosionando las paredes de las mismas. El efecto provocado era similar al de un explosivo. El terreno se derrumbaba y el agua arrastraba los conglomerados en los que estaba incrustado el oro por galerías secundarias, se retiraban las piedras y cantos rodados y se conducían los lodos hasta los canales de lavado para obtener el oro.

En este caso, se utilizaban las aguas de los ríos Sil y Lor.

Las piedras y cantos rodados se apilaban en el exterior junto a los canales de lavado, formándose  grandes depósitos, conocidos tradicionalmente como medos o muradellas.

Tecnica del ruina mointium-2.jpg
Tecnica del ruina mointium-1.jpg

Tradicionalmente se creía que esta técnica había sido creada por la ingeniería romana pero, el estudio de diversos castros astures de la Edad de Hierro, ha demostrado que sus defensas fueron excavadas mediante la técnica del Ruina Montium.

Se ha utilizado en Las Médulas, en Covas y en La Cubela.

MEANDERS DA "BARXA - A CUBELA"

La minería aurífera de los romanos transformó el territorio y cambió su estructura socioeconómica.

En Galicia, la administración romana se centró fundamentalmente en las zonas auríferas, la colonización se adaptó a las explotaciones mineras, atendidas principalmente por miles de hombres libres, en su mayor parte peregrinos, que residían con sus familias en los castros próximos. Unos se dedicaban a la actividad agraria de las mejores sierras para abastecer a los mineros, otros proporcionaban las materias primas y manufacturas necesarias para el trabajo que se realizaba, por último los mineros residían en poblados  y núcleos mineros.

Entre Augas Mestas y la Cubela se pueden localizar los restos de explotaciones mineras de oro realizadas por los romanos en Covas, en Castro de Abaixo y en A Cubela.

MEANDERS DA "BARXA - A CUBELA"

El yacimiento de Covas en la parroquia de Augas Mestas, es de tipo secundario, los filones auríferos se hallaban en aluviones distribuidos en diversas terrazas fluviales. Actualmente, existen un conjunto de galerías a medio excavar que parecen haber sido abandonadas de forma repentina.

La mina tenía dos frentes de explotación, para visitarlos, del centro del pueblo sale un camino que a unos cincuenta metros de la última vivienda, se bifurca para dar acceso a ambos lugares, situados a distintas alturas.

Galeria en Covas1-WEB.jpg
Galeria2 en Covas-WEB.jpg

En el frente inferior de explotación hay dos galerías excavadas, una de ellas fue sellada por orden de la Xunta pero el muro con que se tapió la entrada se derrumbó posteriormente, la galería está obstruida por numerosas piedras. La otra galería está cegada por un desprendimiento pero una grieta permite acceder a ella. Un vecino la ha recorrido y dice que la galería principal tiene una de longitud de unos 500 metros y de ella salen cuatro o cinco galerías secundarias parcialmente cegadas por derrumbes.

En el frente superior de explotación quedan restos de pequeñas galerías y depósitos de cantos rodados (muradellas) una de las cuales posee un gran volumen y altura.

Muradella en Covas-WEB.jpg
MEANDERS DA "BARXA - A CUBELA"

La aldea de Castro de Abaixo  se asienta en parte sobre una antigua explotación minera de la que quedan grandes cantidades de cantos rodados.

Castro de Abaixo-WEB.jpg
MEANDERS DA "BARXA - A CUBELA"

La Cubela está situada sobre una pequeña llanura que no es natural, está justo encima de una explotación minera aurífera. Era una loma de montaña que fue derribada por la minería romana con la técnica de “ruina montium”. Según se mira a la aldea desde el meandro, la parte derecha era el frente de explotación que no se ve por la maleza existente.

El Sil hace miles o más bien millones de años, discurría por zonas diferentes a las actuales y su cauce ha variado mucho a través de los siglos. En épocas remotas dicho cauce discurría por encima de la aldea de A Cubela y al cambiar su curso dejó al descubierto los depósitos de minerales y sobre todo los de oro.

La Cubela desde Barxa-WEB.jpg
MEANDERS DA "BARXA - A CUBELA"

Queda demostrado que existieron minas romanas entre Augas Mestas y La Cubela. Es evidente que para transportar el material de obra , el mineral y los obreros se necesitaba un camino o calzada romana.

Hace unos años cuando por obras en el embalse de San Esteban bajaron grandemente el nivel de las aguas embalsadas, Antonio López Casas y su mujer María José Aira Pumar obtuvieron unos vídeos en los que se ve un empedrado que podría ser una calzada romana. En el siguiente vídeo se ve una pequeña secuencia de los mismos.

 
DA RONCESVALLES A ROZAVALES
BREVI NOTE SU RONCESVALLES

È confermato che i pellegrini provenienti da oltre i Pirenei sono arrivati a Compostela dal X secolo.

La fondazione e lo sviluppo di Roncisvalle sono direttamente collegati al Cammino di Santiago.

Santa María de Roncesvalles era l'ospedale e il centro di cura più emblematici dell'intero Camino de Santiago e insieme a Roma, Gerusalemme e Compostela è stato uno dei luoghi più significativi per i pellegrini cristiani.

Il Codex Calixtinus è stato scritto a metà del XII secolo e nel libro V sono descritte le principali rotte che hanno attraversato la Francia: la Turonense originaria di Tours, la Lemovicense che inizia a Limoges, la Podense che inizia a Le Puy e quella di Tolosa Tolosa con la strada per Roma. I primi tre convergono a Ostabat prima di attraversare i Pirenei attraverso il passo Ibañeta (1066 m.); il quarto è stato fatto da Somport (1632 m.).

Da Ostabat, passando per San Jean Pied de Port, i pellegrini si sono divisi in due gruppi, alcuni salivano a poco a poco al passo Lepoeder e altri attraversavano la valle di Valcarlos prima di affrontare i ripidi pendii che portano a Ibañeta. Nelle vicinanze di San Salvador de Ibañeta le due strade si sono incontrate.

Mapa de los caminos de Santiago en Franc

Seguendo il motto "Ero ospite e mi avete ricevuto" (Vangelo di San Mateo 25, 35), iniziarono a essere fondati ospedali e monasteri per assistere spiritualmente e fisicamente i pellegrini che transitavano per il passo di Ibañeta.

Ci sono opinioni che difendono che l'ospedale e il monastero di Roncisvalle furono creati prima del XII secolo, ma ci sono solo citazioni inaffidabili. Sebbene i rifugi e le chiese siano documentati nell'XI secolo, nessuno di loro fu un predecessore di quello di Roncisvalle. Ad esempio, nell'XI secolo c'erano una chiesa e un ospedale nel

.

Popolazione Ronzasvals (attuale Burguete)

che dopo successive donazioni nel 1219 fu donato ai canonici di Roncisvalle.

C'era anche il "monastero nobile e reale" di Ibañeta, consacrato a San Salvador, che finì per essere acquisito dal priorato di Roncisvalle nel 1271.

Burguete-San Nicolas de Bari-WEB.jpg

Dall'inizio del XII secolo, il monastero di Ibañeta e l'ospedale di Ronzasvals iniziarono a essere insufficienti per assistere il crescente numero di pellegrini, quindi,

.

Sancho de Larrosa (è indicato anche come Sancho de Rosas)

Vescovo di Pamplona dal 1122 fino alla sua morte nel 1142, fondò nel 1127 (secondo la maggior parte degli autori) una "casa di accoglienza per pellegrini e bisognosi" per la quale ebbe la collaborazione del re Alfonso-I el Batallador, nobili e privati. La Lettera di fondazione e dote dell'ospedale e della chiesa di Roncisvalle afferma che migliaia di pellegrini sono morti a causa delle tempeste di neve e degli attacchi dei lupi. Inizialmente situato "all'apice del monte chiamato Roncisvalle", nel 1132 fu spostato nella sua attuale posizione ai piedi del colle.

Panoramica-Roncesvalles-WEB.jpg

Sancho de Larrosa creò una confraternita di laici ed ecclesiastici (monaci della regola di San Agustín) e scrisse alcune Ordinazioni (Disposizioni) che avrebbero assicurato il suo buon governo. La confraternita non bastò e nel 1135 fu posta a capo dell'ospedale una collegiata di canonici, presieduta dal priore Sancho.

Nel 1137 papa Innocenzo II prese Roncisvalle sotto la sua protezione. Il Codex Calixtino descrive che negli anni Quaranta del Novecento era pienamente operativo e la religiosità del tempo portò a grandi donazioni all'ospedale da tutta l'Europa occidentale. Furono costruiti edifici per l'ospedale, la chiesa, il chiostro e le dipendenze per i monaci, una parrocchia per i vicini, magazzini, un'impresa di pompe funebri con una cappella per i defunti. Nel corso dei secoli sono stati costruiti nuovi edifici che in alcuni casi hanno distrutto quelli originari.

Vista de Roncesvalles-WEB.jpg
Interior de la Colegiata de Roncesvalles

Fin dall'inizio, la comunità dei canonici adorò Santa María, capo del tempio. La devozione alla Vergine dei Pirenei si diffuse in tutto il regno della Navarra e oltre i confini.

.

Sono state fatte donazioni da tutta l'Europa occidentale:

Aragona, Guipúzcoa, La Rioja, Castiglia, León, Valencia, Andalusia, Portogallo, Guascogna, Linguadoca, Borgogna, Champagne, Inghilterra e Italia. Di conseguenza, Roncisvalle aveva case, ad esempio, a Saragozza, Soria, Valencia, Siviglia, Tolosa, Montpellier, Londra, Bologna

e nella parrocchia di Rozavales.

Nuevo Hospital-Albergue-WEB.jpg
IL CABILDO DI COMPOSTELA INVESTE NEL TERRITORIO FRANCESE

Entre 1332 y 1335 se celebra un juicio entre el Obispado de Bayona y el Monasterio de Roncesvalles.

El obispado de Bayona presenta una demanda contra los canónigos de Roncesvalles, los cuales para defenderse presentan 13 escrituras. En la primera de ellas, se demuestra que, desde el 22 de agosto de 1189,  la iglesia y el hospital de San Vicente ya no pertenecen a la abadía de Leyre pues, junto con la iglesia de San Miguel se entregan al arzobispado de Compostela. Los hermanos del hospital hicieron votos idénticos a los de la Orden de San Juan de Jerusalén, pusieron la cruz de Santiago en sus hábitos y pasaron a obedecer al representante de Compostela en Gascuña.

Carta-Juicio-WEB.jpg

El pergamino de la Carta del juicio ha sido reproducido en un libro por V. Dubarat y J. B. Daranatz.

Portada-3-WEB.jpg

En la segunda escritura se demuestra que, el 10 de julio de 1246 se produce un intercambio de dos propiedades entre el arzobispo de Compostela y Roncesvalles. Compostela entrega la iglesia de San Vicente de Cisa, situada cerca de San Miguel el Viejo en la Baja Navarra, con su hospital y todas sus pertenencias, a cambio de Santa María de Salvador situada cerca de Monforte en la diócesis de Lugo y donada a Roncesvalles por el rey Alfonso IX de León, con todas sus posesiones y derechos.

IL CABILDO DI COMPOSTELA INVESTE NEL TERRITORIO FRANCESE

A metà del XII secolo e per promuovere il pellegrinaggio a Compostela, il capitolo della Cattedrale di Santiago si stabilì nella Guascogna francese, mantenendovi un rappresentante. Il 22 agosto 1189 metà della chiesa di San Vicente de Pied de Mont fu donata a Santiago de Compostela. I fratelli dell'ospedale Saint Vincent de Cize, annesso alla chiesa di San Miguel, divennero dipendenti da Compostela.

Una bolla di papa Alessandro III ha confermato la suddetta dipendenza

Bula Alejandro III-1.jpg
Bula Alejandro III-2.jpg

A metà del XII secolo e per promuovere il pellegrinaggio a Compostela, il capitolo della Cattedrale di Santiago si stabilì nella Guascogna francese, mantenendovi un rappresentante. Il 22 agosto 1189 metà della chiesa di San Vicente de Pied de Mont fu donata a Santiago de Compostela. I fratelli dell'ospedale Saint Vincent de Cize, annesso alla chiesa di San Miguel, divennero dipendenti da Compostela.

Acta donacion-1+2-frances-WEB.jpg
Acta donacion 1+2-latin-WEB.jpg
LA CHIESA PARROCCHIALE DI ROZAVALES
APPARTENUTO ALL'ORDINE DI RONCESVALLES

In un documento conservato nel Tumbo B della Cattedrale di Santiago, di cui esiste un'edizione pubblicata da María Teresa González Balasch nel 2004 e il cui riferimento di pubblicazione è:

GONZÁLEZ BALASCH, María T., Tumbo B de la Catedral de Santiago, Santiago de Compostela, Cabildo de la SAMI Catedral - Seminario de Estudios Gallegos, 2004, pp. 107-108.

E la firma del volume e del documento in Archivio è: ACS, CF33, fols. 16v-17r.

si manifesta questo

Il 17 aprile 1193, il re Alfonso IX (grande promotore del Camino de Santiago)

concede la Chiesa di Santa María del Salvador all'Hospital de Roncesvalles.

.

Tumbo B-1-WEB.jpg
Cesion de la Iglesia a Roncesvalles.jpg

Nel testo latino si dice che la donazione sia avvenuta nell'anno 1231, ma poiché fino al XV secolo nella parte occidentale della penisola iberica si usava iniziare a contare gli anni nell'anno 38 a.C., sarà necessario di sottrarre 38 per ottenere la contabilità corrente, quindi, la donazione è avvenuta nell'anno 1193 d.C., cosa già fatta da María Teresa González Balash all'inizio del documento.

Nell'indicare la data si fa riferimento al luogo come "Pinum" cioè "Pino" che è il nome che Monforte aveva fino a quando Alfonso IX lo cambiò in Monfort. Cosa che i Benedettini di Monforte non fecero, poiché il monastero ha continuato a chiamarsi "San Vicente del Pino".

D'altra parte, il documento, in latino, si riferisce a Roncisvalle come “Roscidavale” e chiama la Chiesa Santa María del Salvador.

Poco più in basso si può vedere un documento in cui si dice che si trovi questa chiesa

nell'episcopato di Lugo, terra di Lemos, in una località vicino a Montem fortem.

PUNTEGGIO DI NICANOR RIELO CARBALLO
Nicanor Rielo Carballo.jpg

L'etnografo ed esperto di arte romanica della provincia di Lugo, Nicanor Rielo Carballo nell'opera "Inventario artistico di Lugo e provincia" pubblicata tra il 1975 e il 1983, realizzata in collaborazione con Elías Valiña Sampedro (ricercatrice e promotrice dei percorsi Santiago) , Santos San Cristóbal Sebastián e José Manuel González Reboredo, menziona una tradizione secondo la quale a Rozavales c'era un ospedale per pellegrini

Rozavales-Inventario-4.jpg
SCAMBIO TRA L'ARCIVESCOVO DI COMPOSTELA E IL PRECEDENTE DI RONCESVALLES DELLA CHIESA DI ROZAVALES CON UNA CHIESA FRANCESE

Il 23 settembre 2020 alle 19:59, ricevo un'e-mail da Bertrand Saint Macary (presidente dell'Associazione degli amici del Camino de Santiago nei Pirenei atlantici) in cui mi rendo conto che c'è un atto del 10 luglio 1246, con il quale, c'è uno scambio di due proprietà tra l'Arcivescovo di Compostela e il Priore di Santa María de Roncesvalles, con il quale l'Arcivescovo di Compostela e il suo capitolo assegnano o scambiano con il Priore e la comunità de Roncesvalles, la chiesa di San Vicente con il suo ospedale, i suoi diritti e tutte le sue dipendenze, situato vicino alla vecchia San Miguel (Francia) e proprietà di Compostela, con la chiesa di Santa María del Salvador, con i suoi possedimenti, le sue eredità, i suoi diritti e tutte le sue dipendenze, situata nel vescovado di Lugo nel territorio di Lemos vicino al Mont Fort Proprietà di Roncesvalles. La domanda è stata resa pubblica in una presentazione all'Università di Navarra. Mi mandi una copia della trascrizione della scrittura in latino, francese e spagnolo.

Duranat-Intercambio1-WEB.jpg
Duranat-Intercambio2-WEB.jpg
Duranat-Intercambio3-WEB.jpg

Il 23 settembre 2020 alle 19:59, ricevo un'e-mail da Bertrand Saint Macary (presidente dell'Associazione degli amici del Camino de Santiago nei Pirenei atlantici) in cui mi rendo conto che c'è un atto del 10 luglio 1246, con il quale, c'è uno scambio di due proprietà tra l'Arcivescovo di Compostela e il Priore di Santa María de Roncesvalles, con il quale l'Arcivescovo di Compostela e il suo capitolo assegnano o scambiano con il Priore e la comunità de Roncesvalles, la chiesa di San Vicente con il suo ospedale, i suoi diritti e tutte le sue dipendenze, situato vicino alla vecchia San Miguel (Francia) e proprietà di Compostela, con la chiesa di Santa María del Salvador, con i suoi possedimenti, le sue eredità, i suoi diritti e tutte le sue dipendenze, situata nel vescovado di Lugo nel territorio di Lemos vicino al Mont Fort Proprietà di Roncesvalles. La domanda è stata resa pubblica in una presentazione all'Università di Navarra. Mi mandi una copia della trascrizione della scrittura in latino, francese e spagnolo.

bbertrand-saint-macary.jpg
Bertrand SainT Macary-texto.jpg

L'Associazione degli Amici di

Camino de Santiago nei Pirenei atlantici

è stato il Premio Elías Valiña 2019,

in condivisione con

l'Associazione giacobina di Almería, Camino Mozárabe

Premio_Elias_Valiña_2019b-WEB.jpg
 
 
 
 
TOPONIMIA DI ROZAVALES
Rubin-2-WEB.jpg

Nicandro Ares Vázquez, eminente filologo e membro della Reale Accademia Galiziana, tra i suoi numerosi lavori ha pubblicato sulla rivista Lucensia delle Biblioteche del Seminario Diocesano di Lugo nel 2006, un'opera dal titolo "Toponimia do Concello de Monforte de Lemos" in cui si occupa della toponomastica di tutti i paesi e località del comune di Monforte de Lemos e mette in relazione la toponomastica di Rozavales con quella di Roncesvalles.

Lucensia-WEB.jpg
Sumario de Lucensia-WEB.jpg
Portada-Trabajo-Nicandro-WEB.jpg

Nella toponomastica Rozavales scrive, tra le altre cose, quanto segue:

<< Nel 1220 Alfonso IX condannò in una causa che aveva il monastero di Santo Estevo de Ribas de Sil:

"Cum fratribus de Runciavalle , super quodam casale a Sauto"

Nel 1227 Marina Petri scrive nel suo testo

"Ad cofrariam de Rozavales I solidum"

Nel 1257 il sacerdote Petrus Iuliani scrisse nel suo testamento:

"Ad confratriam sancte Marie de Rozavalles I solidum"

In un altro testamento del XIII secolo, Iohannes Lupi dice:

" Ronciavallibus III comando solido"

Nel 1413, Lourenzo Dominguez comandava:

"Confreía de Santa María de Guadalupe e de Roçavales , senllos moravedis".

Ronca Vallis è citata nell'indice.

Alcune di queste forme assomigliano a Roncisvalle, una gola nei Pirenei >>.

E continua:

scrive de Roncesvalles Machado [DOELP] << la forma precedente era quindi Ronçavales --- forse di Ronça [slvales. Questa è un'ipotesi, ma per Carolina Michaêlis è la stessa di Roncavalis. Nella canzone di Roland è Roncesvals ... e da qui le Roncesvalles spagnole e le Roncesvales portoghesi, che è la forma moderna. L'origine della spagnola Roncisvalle e dell'antica Roncisvalle francese, moderna Roncevaux, è nel latino rumicis vallis, "valle di spine" o "valle di azeda (s)". Si noti che nel nord del Portogallo c'era una città chiamata Rozavales o Rozovalibus o Rozovallis nel 1258 >>

.

DOELP = JP Machado, Dizionario etimologico onomastico portoghese, Lisbona
1992.

aceda: è un "rumex" in spagnolo "vinaigrette".

Etimologia de Rozavales-WEB.jpg

(Sono grato a Francisco García Gondar per l'ubicazione delle varie opere sulla toponomastica)

STUDIO FILOLOGICO DI GONZALO NAVAZA

Il filologo e professore universitario Gonzalo Navaza, che è stato membro della Commissione per la toponomastica del governo galiziano, ha condotto uno studio sulla toponomastica di varie località galiziane: "A intervenção régia na medieval galega toponímia. Os nomes de Afonso IX (1188 1230) " .

Secondo la tesi di Gonzalo Navaza, i nomi di diverse città galiziane non sono ereditati dall'antica toponomastica, ma da creazioni medievali imposte dal re Alfonso IX al momento della concessione del suo foro o statuto demografico. Per Navaza, nel caso di Rozavales non vi è alcun atto amministrativo che imponga il cambio di nome, ma in realtà la donazione della chiesa di Santa María de Salvador all'Hospital de Roncesvalles ha fatto sì che i vecchi parrocchiani di "Santa María de Salvadur" diventare noto come "Roçavales".

Il nome del toponimo dei Pirenei navarresi (in portoghese Roncesvales, in spagnolo Roncesvalles, Aragonese Ronzesbals, francese Roncevaux, basco Orreaga) in galiziano medievale presenta sempre la forma Roçavales, interpretata come un composto di "roçar" e il plurale di " vale "e così si legge in tutta la letteratura medievale e in prosa notarile.

.

Navaza-1-WEB.jpg
Navaza-1b-WEB.jpg

Navaza continua a sostenere che l'ortografia "Salvador" con cui compare il toponimo nel testo latino della donazione della chiesa all'ospedale di Roncesvalles corrisponde in realtà a "Salvadur" che è ancora oggi il nome di una delle località dei parrocchiani di Rozavales .

.

È stata una popolazione importante in un passato molto remoto come è menzionata nelle divisioni territoriali del VI secolo della Cattedrale di Lugo e nel Liber Fidei di Braga (ad Cairocam [= Quiroga] in directum et alia parte levat se in Salvatur, CODOLGA ).

Possiamo anche considerare un'indicazione dell'importanza del vecchio toponimo il fatto che la vicina parrocchia di Vilachá continua a essere chiamata Vilachá de Salvadur oggi nella lingua orale (non ufficiale).

In un'intervista a The Voice of Galicia, Gonzalo Navaza afferma:

Rozavales è senza dubbio un toponimo giacobino al 100% in quanto ha un rapporto diretto con il pellegrinaggio a Santiago. E a Rozavales c'era un ospedale per pellegrini governato dall'Ordine di Roncisvalle.

 
ALTRE INDAGINI CHE CONFERMANO CHE
ROZAVALES È SULLA ROTTA DI PELLEGRINAGGIO VERSO SANTIAGO
RAPPORTO DI SANTA MARÍA DE ROZAVALES CON
IL MONASTERO DI SAN ZOILO DE CARRIÓN DE LOS CONDES

Carrión de los Condes è un comune della provincia di Palencia che è un punto importante del Camino de Santiago. La strada francese la attraversa da est a ovest e in essa il sentiero nord, Ruta del Besaya, si unisce alla strada francese.

Il monastero di San Zoilo si trova a Carrión de los Condes vicino al Cammino di Santiago. Fondato nel 948, era un centro religioso e politico di prim'ordine, dove si tenevano consigli e tribunali. Serviva anche come residenza per i re, alcuni erano persino cavalieri armati lì. Già nel Medioevo era un centro di pellegrinaggio. Si caratterizzava per permettere ai pellegrini di consumare pane e vino a loro discrezione e per le sue cure ospedaliere, che lo resero famoso. Il monastero è stato dichiarato monumento storico-artistico con Decreto 3 giugno 1931 e Bene di Interesse Culturale nel 2012.

L'etnografo ed esperto di arte romanica della provincia di Lugo, Nicanor Rielo Carballo nell'opera "Inventario artistico di Lugo e provincia", afferma che il monastero di San Zoilo de Carrión de los Condes esercitava la sua giurisdizione sulla chiesa di Santa Maria de Rozavales.

Nicanor Rielo Carballo.jpg
Inventario artistico lugo y provincia-1.
Rozavales-Inventario-1.jpg
STA. MARÍA DE ROZAVALES ALLA LUCE DEL CATASTRO DI ENSENADA

Rosa María Guntiñas Rodríguez , nella sua indagine nel Catasto Ensenada sulla congregazione di Santa María de Rozavales, giunge, tra le altre , alle seguenti conclusioni:

.

I dati forniti dal Catasto Ensenada rivelano che furono i monaci ripopolanti del Medioevo (cluniacensi / dominio di S. Benito) e le famiglie ispano-gotiche che dovettero ripopolare il termine della parrocchia dopo l'invasione musulmana (711) e loro si unirà in seguito, all'Ordine Militare di Santiago (Encomienda de la Barra / monaci-caballeros / sovrano di S. Agustín) che occuperà le zone reali più estreme e montuose dal XII al XIII secolo accompagnato da alcune famiglie di contadini-bovini - guerrieri provenienti da zone cristiane (migranti che andavano e venivano in cerca di rifugio, mezzi di sussistenza e, allo stesso modo, disposti a difendersi da ogni possibile minaccia).

Da qui la presenza dell'Ordine Militare di Santiago al quale, nel XII secolo, i re di León e magnati ecclesiastici (Alfonso VII e il Vescovo di Ourense, D.Adán) con il consenso degli abati benedettini (cluniacense / cistercense), donano Santa María con i loro beni, sia per proteggerla dalla "rapina" e dal saccheggio della nobiltà, sia per svolgere lavori di aiuto e assistenza sulle strade o strade utilizzate dai pellegrini a Santiago e dai viaggiatori in genere.

Vari toponimi come “Encrucillada” rivelano che i parrocchiani avevano una rete stradale che doveva aver svolto un ruolo importante. La Encrucillada era ed è il luogo dove si trovava la strada da Vilachá e la strada carrozzabile da "Las Penelas" da "Barja" (Coto de Frojende-Villamarín) dove si trovava la barca che permetteva di attraversare il fiume Sil da Torbeo o Castro Caldelas verso Monforte o viceversa.

El Madoz, raccoglie, a metà Ottocento, l'esistenza di questa strada, specificando che è brutta ma che porta ad una barca che permette di attraversare il fiume Sil.

La encrucillada.jpg
Camino de las Penelas.jpg

Accanto all'incrocio si trovano i luoghi di "Salvadur" (in cui la Cappella della Virgen de la O (chiesa parrocchiale di S. Julián de Tor) aveva due case) e "Rubín" (in cui l'Encomienda de la Barra (Militare Ordine di Santiago) aveva altre due case).

Il toponimo "Salvadur" sembra indicare che si trattasse di un piccolo ostello-ospedale o di assistenza ai bisognosi e al pellegrino.

Rubin1.jpg
Casa de Rubin.jpg

Inoltre, poiché la congregazione era vicina al luogo in cui si trovava la barca che consentiva di attraversare il fiume Sil, si intende la presenza dell'Ordine di Santiago (Encomienda de la Barra) nella congregazione perché gli Ordini Militari erano soliti monitorare i luoghi più pericolosi, come l'attraversamento di fiumi e porti e, in generale, gli estesi domini reali di difficile occupazione e controllo, in linea con la religiosità popolare emersa nel Medioevo, la cui forma più visibile era il pellegrinaggio, secondo all'opera di S. Agostino che sviluppò l'idea che la vita fosse solo una via, un pellegrinaggio nell'aldilà. A questo lavoro collaborarono anche i monaci cluniacensi in abiti neri del monastero di San Vicente del Pino, che possedevano parte delle fertili terre dei parrocchiani.

.

D'altra parte, alcuni tratti di spesa dell'anno 1809 suggeriscono che il contingente di truppe francesi guidato dal generale francese Soult, si recasse da Monforte de Lemos verso Torbeo passando per Rozavales e la carrozzabile delle "Penelas" per accedere al battello che permetterebbe loro di attraversare il fiume Sil, una barca che hanno distrutto.

A Cubela-WEB.jpg
Zona de la Covela-WEB.jpg

Per tutto questo, si può dire che Rozavales, come Vilachá, era uno di quei punti "sensibili" di entrata e di uscita dalla Galizia fin dall'antichità, e una delle rotte seguite da soldati, mercanti e pellegrini, da qui la presenza del Cluniacensi, Santiago e ripopolatori stranieri.

Sembra quindi chiaro che una delle cosiddette vie secondarie del Cammino di Santiago sarebbe passata per i parrocchiani poiché, almeno fino alla metà del XIX secolo, questa via di comunicazione che collegava Torbeo (Castiglia) e Castro Caldelas (Ourense / Portogallo) con Monforte de Lemos (Lugo / Castilla) attraverso una barca che permetteva di attraversare il fiume Sil e si collegava con la “Encrucillada” di Rozavales dove confluiva la strada da Vilachá, (forse un'antica strada romana, ai cui margini sorsero i luoghi di "Cacabelos" e "Salvadur"), e la strada carrozzabile delle "Penelas", che costeggiava il luogo di "Rubín", provenendo da "Barja" (Villamarín).

PEÑAS DE SANTA LUCÍA
Peñas_de_Santa_Lucia.jpg

Adiacente alla Chiesa di Rozavales, si trova la montagna comunale di “Sta. Lucía ”o“ Peñas de Sta. Lucía ”da cui, per diversi chilometri, si domina l'intero ambiente dei parrocchiani e si vede anche il monastero di San Vicente del Pino e il Castello dei Condes de Lemos a Monforte . Las Peñas sembra essere un antico tempio pagano e un luogo di pellegrinaggio e da visitare “ribattezzato e cristianizzato”, forse dai monaci di Cluny. Va tenuto presente che la festa di Santa Lucia si celebra il 13 dicembre, e nel Medioevo, a causa del ritardo accumulato dal calendario giuliano, coincideva con il solstizio d'inverno, che era un periodo di rinnovamento e di rinascita (per rinnovare e rinascere il sole dopo la sua graduale morte iniziata nel solstizio d'estate) che ha comportato celebrazioni e riti in vari popoli e culture.

Nella parete rocciosa sono presenti sezioni longitudinali scolpite e inclinate da destra a sinistra (non accessibili) che sono state battezzate come "le scale del rovescio" il che porta all'intuizione che il loro scopo fosse, possibilmente di natura rituale, quello di "visualizzare "il percorso dei raggi del Sole all'alba del solstizio d'inverno, cioè la risurrezione del dio Sole e la rinascita della Vita dopo la Morte.

Pertanto, Sta. María de Rozavales era già una via di pellegrinaggio prima di essere una delle vie di pellegrinaggio secondarie a Santiago.

Cosa coincide con quanto affermato sul WEB "Cultura de Galicia" della Xunta de Galicia: https://www.cultura.gal/es/ocupacion-historica-territorio

Metto di seguito un ritaglio di detto articolo:

Peñas Santa Lucia-Rozavales-WEB.jpg
CULTURA GALICIA-TEMPLOS EN ROCAS.jpg

D'altra parte, secondo una tradizione orale popolare, che è stata mantenuta tra i vicini fino al XX secolo, il luogo delle Peñas de Santa Lucía, fu battezzato dai suoi antenati con il nome di "As Mouras", un nome correlato ai "mouros" (personaggi tipici delle leggende galiziane). Mouros in Galizia significa vecchio o sconosciuto e quindi fantastico. Di conseguenza, si è trasmessa, di generazione in generazione, l'idea che il luogo fosse abitato da persone di etnie, culture e religioni diverse. Allo stesso modo, il fatto che il femminile e non il maschile sia usato per designarlo, può essere interpretato come tale, sarebbe una sorta di santuario frequentato da donne (sacerdotesse?) E / o dedicato a divinità femminili e legato al culto a morte e vita immortale nell'aldilà.

Tutto quanto sopra giustificherebbe la creazione della Chiesa di Rozavales, data l'usanza della Chiesa cattolica di convertire le festività pagane in quelle cristiane.

ESISTENZA DI DUE BARCHE IN UNA CUBELA NEL XVIII SECOLO

Rosa María Guntiñas Rodríguez , nella sua ricerca nel Catasto Ensenada sulla congregazione di San Pedro Félix de Villamarín, giunge, tra le altre, alle seguenti conclusioni:

Devono essere stati, come a Vilachá e Rozavales, i monaci cluniacensi di San Vicente del Pino e le famiglie ispano-tedesche a ripopolare i parrocchiani di Villamarín dopo l'invasione musulmana (711) e successivamente furono raggiunti dai monaci cistercensi di Montederramo e l'Ordine Militare di Santiago, possibilmente, accompagnato da nuove famiglie di contadini-allevatori-guerrieri di zone cristiane.

Così, a Villamarín, come a Vilachá e Rozavales, erano presenti tutti i protagonisti che hanno reso possibile lo sviluppo del pellegrinaggio a Santiago de Compostela nel Medioevo. Il Cammino di Santiago, che, ovviamente, non avrebbe un percorso unico né sarebbe utilizzato solo dai pellegrini, ma da tutte quelle persone che hanno bisogno di viaggiare e che, a seconda del luogo di residenza e degli interessi particolari di ciascuno di loro, seguiranno itinerari diversi per Attraverso i diversi canali di comunicazione esistenti, principali o trasversali e, in quest'area, il Catasto fornisce dati su Villamarín che corroborano quelli già forniti a Vilachá e Rozavales.

Iglesia de Villamarin-WEB.jpg

Nel termine geografico di Villamarín, era incluso il Coto de Frojende , signoria della Casa di Losada , a cui il Madoz continua a fare riferimento, un secolo dopo, come il "Coto de Barja", ponendolo di fronte alla "vasta e ricca abbazia e la riserva di Torbeo su un altissimo pendio e popolata di castagni ”.

L'utilizzo della sua parte ripariale aveva permesso di avere un "porto" fluviale sul fiume Sil (meandro di Barxa - A Cubela)

e ad alcuni vicini per ottenere qualche risorsa monetaria come "barcaioli" e, eventualmente, anche come olivicoltori e pescatori, attività quest'ultima che non comprende il Catasto ma il Madoz, che specifica che si pescava lamprede, pesce, trote e anguille.

Panoramica Villamarin-WEB.jpg

L'Interrogazione Generale della Congregazione di Santa Mª de Torbeo include nel Capitolo 29 questo

ci sono nel “termine (...) due navi che servono a

il trasporto di questa terra

a quello di Lemos, Quiroga e altri partiti,

uno appartenente al Sig. Isidro Rodríguez Casanova nel porto di Torbeo ma controllato direttamente dai preti della parrocchia "per il cui riconoscimento" gli paga 30 r., per "giurisdizione ogni anno" e che è attualmente affittato da Domingo della Fontana che confina con il luogo di Barja (...) e un altro nello stesso luogo che appartiene a Benito de Aíra e José Rodríguez del luogo di Castro de Abajo. L'Interrogazione conferma, quindi, l'esistenza di una barca per il trasporto di persone e bestiame ma, inoltre, l'esistenza di una seconda imbarcazione denominata ¿procedimento? ma ha poco traffico come puoi leggere nel documento allegato.

Fotocopia della pagina del Libro dell'Interrogatorio Generale della Riserva di Torbeo in cui si registra l'esistenza di queste due imbarcazioni.

Registro de las dos barcas-2WEB.jpg
RIFERIMENTI DELLA XUNTA DE GALICIA SULLA STRADA INVERNALE
DI VILACHÁ E ROZAVALES

La Xunta de Galicia attraverso la "Galicia Buen Camino" comprende la Chiesa di San Mamed de Vilachá all'interno del Cammino invernale per Santiago.

La Xunta de Galicia attraverso il "Camino de Santiago" comprende la Chiesa di San Mamed de Vilachá all'interno del Cammino invernale verso Santiago.

San Mamed-WEB.jpg

La Xunta de Galicia attraverso la "Galicia Buen Camino" comprende la Chiesa di Santa María da Penela all'interno del Cammino invernale verso Santiago.

La Xunta de Galicia attraverso il "Camino de Santiago" include la Chiesa di Santa María da Penela all'interno del Cammino invernale di Santiago.

Santa Maria da Penela-WEB.jpg
 
 
 
 
 
 
INTERESSE PAESAGGISTICO E NATURALE DEL PERCORSO ATTRAVERSO LA CUBELA
SIL CANYON

Il Sil Canyon, si estende per i 25 km del fiume prima della sua foce nel Miño a Os Peares. È una gola profonda di roccia e acqua, le sue pendici sono costituite da due pareti che in alcune zone si innalzano fino a cinquecento metri sopra le sue acque. Il fiume descrive ampie curve e meandri, che formano alcuni degli angoli più magici di tutta la Galizia.

Meandro de la Cubela-100-WEB.jpg
MIRADOR DE LA CAPELA-web.jpg

Il canyon del Sil è stato prodotto nel corso di migliaia di anni a causa di due fattori principali: l'erosione dell'acqua sul letto e i processi geologici associati alla tettonica delle placche. Il clima continentale atlantico predomina nell'area compresa tra le province di Lugo e Orense, ma in alcune zone del Canyon è presente un microclima diverso con caratteristiche mediterranee. Questo microclima consente lo sviluppo di specie vegetali atlantiche e mediterranee: querce e castagni tra grandi rocce granitiche sui pendii ombrosi e sui pendii soleggiati le querce da sughero, i corbezzoli, la lavanda, il cisto, l'origano, il rosmarino, il timo, la vite e anche ulivi nelle zone più tranquille e riparate.

Aguila real-WEB.jpg
Rapaci come il falco pellegrino o il nibbio bruno, anche l'aquila reale in via di estinzione, trovano un buon posto di nidificazione nelle alte rocce dei ripidi pendii.
Inoltre è presente una ricca fauna: cinghiali, lupi, volpi, caprioli, lontre, anfibi e rettili.
Le condizioni climatiche consentono a specie come anatre e aironi di trascorrere l'inverno nel canyon del Sil.
Halcon Peregrino-WEB.jpg
Nonostante il terreno accidentato, grazie alla costruzione di terrazzamenti, questo terreno è stato lavorato sin dall'epoca romana. Le particolari caratteristiche di questi pendii, la loro ripida pendenza, il loro orientamento o il microclima della zona sono ideali per la coltivazione della vite. I romani piantarono e lavorarono la vite sulle pendici del canyon, successivamente su queste pendici si stabilirono monaci eremiti e furono costruiti monasteri che continuarono a coltivare la vite ea produrre vini di ottima qualità.
Inoltre, questa orografia ripida viene utilizzata per la produzione di energia elettrica. In tutto il Canyon sono presenti diversi bacini artificiali che fanno scendere l'acqua calma ed è navigabile con barche come i catamarani.
Le rotte Quiroga-San Clodio-Augas Mestas-Vilachá-Rozavales-Villamarín-Monforte
sono le uniche vie che passano
IL CANYON DEL SIL
MEANDERS DA "BARXA - A CUBELA"
Limites Municipales-WEB.jpg

La zona compresa tra il belvedere di Barxa e la foce del fiume Xan Xoán nel fiume Sil all'interno della sponda del fiume Monfortine (circa 1500 m) ha meritato i più lodevoli commenti degli escursionisti che l'hanno percorsa. Metto in evidenza quelle fatte da un escursionista esperto (più percorsi e meno routine) che ha viaggiato in tutto il mondo:

Raggiungiamo il belvedere di Barxa, sullo spettacolare meandro di A Cubela. Senza dubbio, un'immagine senza eguali nel resto della Galizia. Un luogo dove deliziarsi, pura essenza della Ribeira Sacra. La bellezza di questo luogo è indicibile. Il villaggio di A Cubela si trova sulla sponda opposta, sospeso sul pendio che scende al Sil, proprio in questo punto dove il fiume descrive un meandro di quasi 360º.
Saremmo rimasti molto più a lungo, assorti a contemplare questo paesaggio, ma l'oscurità si avvicina e ci costringe a proseguire.

Meandro de A Covela-desde La Cubela-WEB.

Il meandro di Barxa-A Cubela, è un'area di interesse geologico in cui il fiume Sil attraverso ardesie, micascisti e quarziti forma un meandro dalla geometria e dal paesaggio eccezionali. Il Sil attraversa un substrato roccioso di durezza variabile e ha lentamente ma inesorabilmente modellato il canale fino a formare una curva di 180º.

Nel meandro, il Sil incontra le quarziti, abbastanza dure da doverle aggirare in una curva. Sul bordo esterno della curva, la forza dell'acqua produce una grande erosione e sul bordo interno della curva, poiché l'acqua ha una bassa velocità, si verifica una grande sedimentazione. Attualmente l'acqua è sequestrata, se non lo fosse, con il passare del tempo (milioni di anni), il fiume logorerebbe le rocce dure e la corrente continuerebbe lungo un letto più rettilineo uscendo dal meandro. Quello che attualmente è un bellissimo meandro si trasformerebbe in una specie di laghetto semilunare che in seguito sarebbe stato riempito di nuovi sedimenti.

La vegetazione mediterranea si mescola con quella atlantica, ci sono lecci, sughere, corbezzoli, castagni, querce, lauri, frassini, aceri, sorbi, cisti, ... e molte tipologie di piante.

L'ECOSISTEMA BARXA (MONFORTE DE LEMOS)
UN POSTO UNICO NEL CANÓN DEL SIL

Cioè, per la parola Barxa vengono dati i seguenti significati:

  • Vega, campo coltivato vicino a un fiume.

  • Chiatta.

In tutto il Sil Canyon non c'è nessun altro luogo che soddisfi queste condizioni. È quindi un'area geograficamente unica e anche storicamente è stata una riserva separata dai parrocchiani che la circondano. Una riserva è una parte di un territorio in cui il re ha delegato l'esercizio della giustizia in prima istanza nelle mani di un'altra persona o istituzione. In questo caso, la delega di funzioni è stata fatta alla famiglia Losada. Nel Catasto Ensenada si chiama Coto de Frojende e nel Madoz si chiama Coto de Barja.

Nel 1752, secondo il Catasto Ensenada, è una riserva di signoria, per alienazione reale, del parroco con il diritto di esercitare la giustizia in prima istanza in materia civile mentre in materia penale era esercitata dal Conte di Lemos.

In una sezione precedente è stato dimostrato che in detto Coto c'erano due barche per attraversare il fiume, una delle quali per il trasporto di persone e bestiame, cioè una "chiatta" che veniva usata dal generale francese Soult e dal suo esercito per attraversare il fiume. Fiume Sil.

L'area è descritta da un escursionista esperto (più percorsi e meno routine) come segue:

In quest'area di fusione della vegetazione mediterranea e atlantica, piccoli ruscelli formano ambienti umidi, verdi e frondosi. Il sentiero ci guida al villaggio di Barxa, la bellezza del luogo è indiscutibile, circondato da alberi, sul fiume Sil. La sezione successiva ha un grande fascino. Lo percorriamo a ridosso del Sil, in mezzo a una grande varietà di specie vegetali che formano un autentico giardino botanico. I suoni della fauna sono innumerevoli, gli uccelli cantano allegre melodie.
ACubela desde Barxa-WEB.jpg
Barxa1-WEB.jpg
Barxa-2-WEB.jpg
Barxa1-Ecosistema de Barxa-WEB.jpg
SANTIAGO ERA UN PESCATORE D'ACQUA DOLCE

Nel Vangelo secondo Marco 1-16 a 1-20 si dice:

16 Mentre Gesù passava lungo la riva del mare di Galilea, vide Simone e Andrea suo fratello che gettavano le reti in mare, poiché erano pescatori.

 

17 Gesù disse loro: "Seguitemi e vi farò pescatori di uomini".

 

18 E subito, lasciate le reti, lo seguirono.

 

19 Poco più avanti, Gesù vide Giacomo, figlio di Zebedeo, con suo fratello Giovanni, che erano nella sua barca ad aggiustare le reti.

 

20 Anche Gesù li chiamò ed essi, lasciando il loro padre Zebedeo sulla barca con gli aiutanti, lo seguirono.

Barca de Pescadores-WEB.jpg

MARE DI GALILEA

Il Mare di Galilea (Lago di Tiberiade o Lago di Genesaret), è un lago d'acqua dolce situato nella regione del Medio Oriente asiatico che appartiene a Israele.

La sua altitudine è sotto il livello del mare (-214 m). Ha 53 km di costa. Occupa un'area di 166 km2. La sua profondità media è di 25,6 me la massima è di 40 m.

 

Mar de Galilea-WEB.jpg
Portada del Mahoz.jpg

Il MADOZ (Dizionario storico-geografico della Spagna e dei suoi possedimenti d'oltremare) è una grande opera in 16 volumi pubblicata da Pascual Mahoz tra il 1845 e il 1850, descrive tutte le popolazioni della Spagna così come i termini della storia della Spagna. È un riferimento molto importante per le consultazioni di geografi, storici, archeologi e vari ricercatori. Tra gli altri dati, contiene interessanti informazioni su rovine, resti e possibili siti archeologici, con la descrizione che a quei tempi si faceva di tutto ciò che c'era.

Se cerchi "San Félix de Villamarín", scoprirai che è un parrocchiano con diverse località, tra cui Barja e Frojende. All'interno della produzione si dice che si pescino lamprede, pesci, trote e anguille.

Mahoz sobre Barxa-WEB.jpg

L'URL per consultare il Madoz è il seguente (il caricamento richiede tempo):

Attualmente, i meandri di Barxa-A Cubela si trovano nell'area di influenza del bacino idrico di San Esteban, quindi è possibile catturare blak-bass, carpe e trote.

Conseguentemente:

attraversare il fiume Sil in barca attraverso Barxa-La Cubela,

calza come un guanto con la mistica del Camino de Santiago.

Si può riflettere sulla professione di Santiago el Mayor e

sulla chiamata di Gesù Cristo per farne un pescatore di uomini.

 
 
 
 
 
DICHIARAZIONE UFFICIALE DEL PERCORSO ATTRAVERSO LA CUBELA-BARXA

Nelle sezioni precedenti è mostrato che il percorso da Quiroga attraverso San Clodio, Augas Mestas, A Cubela, attraversando il fiume Sil in barca, Rozavales, Monforte de Lemos è stato un percorso di pellegrinaggio a Santiago e probabilmente la via principale tra Quiroga e Monforte di Lemos. In particolare, il percorso tra San Clodio e A Cubela è completamente segnalato come Camino de Invierno ed è stato il percorso stabilito dal team guidato da Ramón Izquierdo Perrín e il primo ad essere segnalato. Aida Menéndez Lorenzo ha pubblicamente confessato di aver lottato con tutte le sue forze per rendere questa via quella Ufficiale, ma ...

Con le Amministrazioni competenti che abbiamo incontrato

Ad oggi, non sono stati in grado di risolvere il problema dell'attraversamento del Sil, quando nel medioevo c'erano fino a due barche per attraversare il Sil a disposizione dei camminatori. Fanno una scusa per il fatto che i bacini artificiali hanno aumentato la larghezza del fiume e rimangono così larghi che sembrano dimenticare lo sviluppo tecnologico esistente nel 21 ° secolo. C'è un interesse nascosto? È anche l'unico percorso che circola attraverso uno dei paesaggi più spettacolari della Ribeira Sacra. Cosa penseranno di dire se nel 2021 la Ribeira Sacra venisse dichiarata Patrimonio dell'Umanità?

Per alleviare queste sciocchezze, in una pagina a parte presenterò le possibili alternative che possono essere seguite.

ALLE NOSTRE AUTORITÀ ILLUSTRATE ED ECCELLENTI

NON CHIEDIAMO QUALCOSA COME QUELLO PRESENTATO NEL VIDEO ALLEGATO IN UN AMBIENTE SIMILE AL SIL CANYON, MA ...

UNA BARCA A CUBELA PER ATTRAVERSARE IL SIL ...

Una barca in luglio e agosto

Puente Colgante-1-WEB.jpg
Puente Colgante-2-WEB.jpg
Puente Colgante-3-WEB.jpg

IL CONSORZIO RIBEIRA SACRA RIPRENDERÀ LA TRADIZIONE

DELLE BARCHE DI PASSAGGIO PER ATTRAVERSARE IL SIL E IL MIÑO

En el párrafo final de la descripción general de la ruta alternativa entre Quiroga y Monforte se dice lo siguiente:

"Pero, en la actualidad, por tanto, no es posible pasar al otro lado del río y seguir el camino hacia Santiago. No obstante, se recomienda hacer una escapada por esta ruta, que le permitirá descubrir una de las más espectaculares vistas, el meandro que describe el río Sil, en el lugar de A Cubela, cuando se desciende desde Torbeo. Lugar, también, donde se inician los famosos e impresionantes cañones del río Sil".

NOTA

COMO EXPONGO EN LA PÁGINA "ALTERNATIVAS A LA ETAPA 5: QUIROGA - MONFORTE DE LEMOS", NO ES NECESARIO SUBIR HASTA TORBEO Y LUEGO BAJAR HASTA LA CUBELA PUES,

HAY UN CAMINO PEGADO AL SIL QUE VA DIRECTO A LA CUBELA.

Pagina de la Asociacion de AIDA.jpg
LE AUTORITÀ LOCALI DIMOSTRANO
ACCORDO DEL CONSIGLIO CITTADINO DI RIBAS DE SIL

Il 22 ottobre 2020, la Plenaria del Consiglio Comunale di Ribas de Sil ha convenuto all'unanimità:

 

PRIMO: Fornire supporto alla richiesta dell'associazione di quartiere Vilachá de Salvadur e dell'associazione di quartiere Torbeo per il riconoscimento della STRADA INVERNALE VERSO SANTIAGO DE COMPOSTELA CHE PASSA ATTRAVERSO TORVEO - VILACHÁ - ROZAVALES.

 

SECONDO: Fornire supporto alle iniziative necessarie a difendere, diffondere e promuovere il suddetto percorso.

 

TERZO: Richiedi alla Xunta de Galicia i rapporti pertinenti per il riconoscimento ufficiale del Cammino d'Inverno mentre attraversa Torbeo-Vilachá-Rozavales.

 

QUARTO: Informare l'Associazione dei vicini di Vilachá de Salvadur, l'Associazione dei vicini di Torbeo, il Comune di Monforte, il Comune di Puebla del Brollón e l'Assessorato alla Cultura e al Turismo della Xunta de Galicia.

Certificado-Acuerdo-Ribas de Sil-firma.j
ACCORDO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI PUEBLA DEL BROLLÓN

Il 23 ottobre 2020, la Plenaria del Consiglio comunale di Puebla del Brollón ha convenuto all'unanimità:

 

PRIMO: Fornire supporto alla domanda dell'associazione dei residenti di Vilachá per il riconoscimento della STRADA INVERNALE VERSO SANTIAGO DE COMPOSTELA COME ATTRAVERSO TORBEO - VILACHÁ - ROZAVALES secondo la documentazione storica presentata.

 

SECONDO: Fornire supporto per realizzare le iniziative necessarie a difendere, diffondere e promuovere il suddetto percorso.

 

TERZO: Collabora alla richiesta alla Xunta de Galicia dei rapporti pertinenti per il riconoscimento ufficiale del Cammino d'Inverno mentre attraversa Torbeo-Vilachá-Rozavales.

 

QUARTO: Informare l'Associazione dei vicini di Vilachá de Salvadur, l'Associazione dei vicini di Torbeo, il Comune di Monforte, il Comune di Puebla del Brollón e l'Assessorato alla Cultura e al Turismo della Xunta de Galicia.

Certificado acuerdo Puebla ddel BrollonW
ACCORDO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI MONFORTE DE LEMOS

Il 30 novembre 2020 la Plenaria del Consiglio comunale di Monforte de Lemos ha approvato con 12 voti favorevoli e 3 astensioni:  approva i punti della proposta dell'Associazione del vicinato di Vilachá.

Acuerdfo en Monforte-Voz de Galicia-WEB.

IL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL LUGO

SOSTIENI IL PERCORSO ATTRAVERSO VILACHÁ E ROZAVALES

IL CONSORZIO RIBEIRA SACRA RIPRENDERÀ LA TRADIZIONE

DELLE BARCHE DI PASSAGGIO PER ATTRAVERSARE IL SIL E IL MIÑO

Barcas-La Voz-0.jpg
Barcaza tradicional-web.jpg

YO VOY SOÑANDO CAMINOS

(ANTONIO MACHADO)

Yo voy soñando caminos

de la tarde. ¡Las colinas

doradas, los verdes pinos,

las polvorientas encinas!...

¿Adónde el camino irá?

Yo voy cantando, viajero

a lo largo del sendero...

-la tarde cayendo está-.

"En el corazón tenía

la espina de una pasión;

logré arrancármela un día:

"ya no siento el corazón".

Y todo el campo un momento

se queda, mudo y sombrí