Indice.jpg

LA STRADA DI SANTIAGO

Logo-Caminos a Santiago-WEB.jpg
Scegli una lingua

(Traduzione eseguita dallo spagnolo con Google Traduttore)

INFORMAZIONI COMUNI A TUTTI I PERCORSI

Catedral de Santiago-2-WEB.jpg

La Santa Sede ha decretato la proroga dell'Anno Santo 2021 per tutto l'anno 2022 a causa delle circostanze eccezionali che circondano la sua celebrazione a causa della pandemia covid-19.

(Ultimo aggiornamento: 29-04-2021)
 
ORIGINE DEL CAMINO DE SANTIAGO
COLLEGAMENTO DELL'APOSTOLO SANTIAGO CON COMPOSTELA

Santiago el Mayor, figlio di Zebedeo e Salomé, fratello di Giovanni Evangelista, è nato a Giaffa.

Fu uno dei quattro primi discepoli scelti da Gesù, i suoi preferiti:

Pedro, Andrés e i fratelli Santiago e Juan. Questi apostoli sono stati testimoni di momenti molto speciali nella vita di Gesù: tra loro la trasfigurazione e l'agonia. Santiago aveva un carattere impulsivo e appassionato, motivo per cui Gesù lo chiamava "figlio del tuono". Inizia la sua opera apostolica a Gerusalemme. Successivamente in nave ha raggiunto un porto andaluso, proseguendo attraverso le terre portoghesi fino a raggiungere Iria Flavia in Galizia. Più tardi, sarebbe tornato in Palestina, morendo decapitato a Gerusalemme sotto Erode Agrippa.

È l'apostolo che più lontano da Gerusalemme predica gli insegnamenti di Gesù Cristo e il primo apostolo a morire martirizzato.

Secondo san Girolamo, era stato disposto che, mentre gli Apostoli andavano in tutti i luoghi della terra per predicare il Vangelo, ognuno di loro avrebbe riposato nella provincia in cui aveva predicato il Vangelo.

Il vescovo León (vescovo di Gerusalemme), racconta in un'epistola indirizzata a Franchi, Vandali, Visigoti e Ostrogoti che, in un sinodo, gli apparvero quattro dei discepoli di San Giacomo il Maggiore e gli dissero di aver raccolto il corpo dell'apostolo. e lo avevano portato su una nave in Galizia. Alla fine dell'epistola, il vescovo León esorta la cristianità a recarsi nel luogo e pregare perché "Santiago giace certamente nascosto lì". (Cinque versioni principali di questa epistola sono conservate con lievi variazioni dall'una all'altra).

Le conclusioni della suddetta epistola sono state raccolte dai martirologi che circolavano in tutto l'Occidente.

Di conseguenza, secondo la tradizione (possibile leggenda), il suo cadavere fu trafugato dai suoi discepoli Atanasio e Teodoro e portato ad Iria Flavia. Giunti a terra, i discepoli posero il corpo di Santiago su una grande lastra che "con il peso e come fosse cera fusa" divenne una tomba che portavano su un carro trainato da buoi. Durante il trasporto, quando raggiunsero la foresta di Libredón, i buoi si rifiutarono di proseguire. Questo era considerato un segno divino e fu scelto come luogo di sepoltura. Posero il corpo dell'apostolo in un'arca di marmo, un'arca di marmo e lo seppellirono.

SANTIAGO EL MAYOR-web.jpg

Nel Breviario degli Apostoli, della fine del VI secolo, si parla della predicazione di Santiago in Spagna e della sua sepoltura nell'Arca Marmárica.

Anche San Isidoro di Siviglia nel suo trattato "De ortu et obitu patrium" dice che Santiago ha predicato in Spagna ed è sepolto nell'Arca Marmárica.

Nella seconda metà del VII secolo Beda il Venerabile descrive accuratamente dove si trova il corpo dell'apostolo.

Più tardi, al tempo di re Mauregato (re delle Asturie tra il 783 e il 789), fu composto l'inno "O Dei Verbum" (attribuito al Beato di Liébana) in cui Santiago el Mayor è descritto come "la testa d'oro della Spagna, la nostra protettore e patrono nazionale ”.

Sepuldro de Sanciago-WEB.jpg

Concordia de Antealtares (datata 1077) racconta che un eremita di nome Pelayo che viveva a Solovio, nella foresta di Libredón, tra l'820 e l'830 d.C., osservò misteriosi bagliori di notte. Informa il vescovo di Iria Flavia (Teodomiro) che quando si reca sul luogo, scopre che la luce ha segnato il luogo in cui è stata sepolta l'Arca Marmárea. Nel sepolcro c'erano tre corpi attribuiti a Santiago il Maggiore e ai suoi discepoli Teodoro e Atanasio.

Lugar_en_que_vivia_el_ermitaño_Pelayo-WE

Teodomiro informa il re Alfonso II il Casto che aveva residenza a Oviedo. Il re che era cresciuto nel monastero di Samos riceve la notizia con entusiasmo e decide di recarsi nel luogo attraverso il percorso:

Oviedo, Alto del Acebo, Lugo, Melide, Santiago.

Giunto al "Campo de Estrellas" (Compostela), ordinò la costruzione di una piccola chiesa (rinvenuta negli scavi archeologici). Teodomiro trasferì in questo luogo la sede episcopale e morì nell'847 (la sua lauda sepolcrale apparve negli scavi archeologici).

Tumba de teodomiro en la Catedral de San

Alfonso II El Casto è considerato il primo pellegrino a

Santiago de Compostela.

Y

il percorso da lui seguito:

"Oviedo, Alto del Acebo, Lugo, Melide, Santiago"

è attualmente chiamato

STRADA PRIMITIVA

Alfonso II el Casto-WEB.jpg

Alfonso III il Grande fece un pellegrinaggio a Santiago nell'872 e lo fece di nuovo accompagnato dalla moglie Jimena nell'874, donando all'apostolo una croce d'oro e di pietre preziose scomparsa nel 1906. Nel 2004 è stata costruita una replica, che è il che può essere attualmente osservato.

Cruz donada por Alfonso III-WEB.jpg

Alcuni importanti pellegrini del X secolo sono: Bretenaldo nel 930; Re Ramiro II nel 932; Il vescovo Gotescalco de Le Puy nel 950; l'abate Cesáreo de Santa Cecilia de Montserrat che accrebbe il prestigio di Compostela come sede della penisola occidentale.

INIZIO DEL PELLEGRINAGGIO A COMPOSTELA

I suddetti fatti sono diffusi oralmente in tutta Europa. Inoltre, il luogo era vicino a Finisterre e si credeva che il mondo finisse lì e che l'Oceano Atlantico fosse la tomba del Sole.

Nasce così la componente mistica

del Camino de Santiago:

"cammina per raggiungere l'aldilà."

Finisterre poteva essere raggiunta da qualsiasi parte d'Europa seguendo la Via Lattea. Quindi, la Via Lattea è anche conosciuta come "Camino de Santiago".

Via Lactea-WEB.jpg

Nel Medioevo i pellegrini uscivano in gruppo per proteggersi a vicenda e tutto il paese usciva a salutarli, perché alcuni non tornavano mai, vittime delle difficoltà della strada, di malattie o di banditi e teppisti.

D'altra parte, durante il IX e il X secolo, gli arabi compirono varie incursioni militari attraverso la penisola.

I re asturiani e leonesi ritengono che la tomba dell'apostolo Santiago, discepolo preferito di Gesù, possa essere utile per consolidare il suo regno e la cultura cristiana di fronte ai musulmani nonché per farsi conoscere al resto della cristianità europea.

Santiago matamoros-museo del prado-WEB.j

Fanno di Santiago el Mayor l'alfiere degli eserciti cristiani e viene creata la leggenda del suo glorioso intervento nella battaglia di Clavijo. Da allora, gli eserciti cristiani entrano in battaglia con il grido:

"Santiago e chiude la Spagna"

Nell'anno 899 Alfonso III, El Magno, consacra una nuova cattedrale. Nell'anno 977 Almanzor distrusse Santiago, sebbene rispettasse la tomba dell'apostolo.

L'ordine di Cluny riecheggia il prestigio di Compostela e durante l'XI secolo promosse pellegrinaggi a Santiago. In cambio, i re cristiani fanno generose donazioni ai loro monasteri.

Per tutto l'XI secolo l'afflusso di pellegrini si intensificò e si cominciarono a costruire ponti e ospedali nelle enclave necessarie. Inizia ad essere stabilito un percorso principale con le sue rispettive stazioni (Cammino Francese).

CATTEDRALE ATTUALE

Nel 1073, il vescovo Diego Peláez e il re Alfonso VI iniziarono la costruzione dell'attuale cattedrale.

Catedral de Santiago-WEB.jpg
ARCIVESCOVO DIEGO GELMÍREZ

Il primo arcivescovo di Santiago de Compostela, Diego Gelmírez, nacque nel castello di Torres del Oeste, a Catoira, dove suo padre, Gelmirio, un membro della bassa nobiltà, era il governatore del castello agli ordini del vescovo Diego Peláez. Si è distinto sin dalla giovane età per il suo talento. Forse ha studiato a Parigi e in alcuni conventi francesi dell'ordine di Cluny.

Ha sicuramente promosso la costruzione dell'attuale cattedrale.

Promuove molto il pellegrinaggio a Santiago, che diventa meta del pellegrinaggio cristiano allo stesso livello di Roma e Gerusalemme.

Arzobispo Gelmirez-WEB.jpg
PELLEGRINI, ROMEROS E PALME

Coloro che si recavano a Santiago de Compostela venivano chiamati "PELLEGRINI"; Coloro che andavano a Roma venivano chiamati "ROMEROS" e quelli che andavano a Gerusalemme erano chiamati "PALMEROS".

I pellegrini a Santiago erano numerosissimi, generalmente cristiani da tutta Europa, che creavano un quadro sociale, culturale, religioso ed economico lungo le strade che portavano a Santiago de Compostela. L'ordine di Cluny creò numerosi monasteri lungo tutto il percorso.

Nel Medioevo i pellegrini uscivano in gruppo per proteggersi a vicenda e tutto il paese usciva a salutarli, perché alcuni non tornavano mai, vittime delle difficoltà della strada, di malattie o di banditi e teppisti.

INFLUENZA DEI FRANCESCANI

Nel 1214 San Francisco de Asís fece un pellegrinaggio a Santiago e fondò il convento di San Francisco. Del primo edificio si conservano nel chiostro principale solo cinque archi a sesto acuto. Il nuovo chiostro fu costruito da Ginés Martínez nel 1607. La chiesa fu costruita da Simón Rodríguez nel 1742.
È stato dichiarato Monumento Storico-Artistico nel 1986.

Convento de San francisco en Santiago.jp
Convento de San francisco en Santiago-2.

L'opera educativa, evangelizzatrice e fraterna dei francescani accresce la popolarità del pellegrinaggio a Santiago

INFLUENZA DI SAN AGUSTÍN

Nel Medioevo nasce una religiosità popolare, la cui forma più visibile era il pellegrinaggio, secondo l'opera di Sant'Agostino che sviluppò l'idea che

la vita è solo un percorso, un pellegrinaggio nell'aldilà.

 
 
 
IL CAMINO DE SANTIAGO COME ASSE INTEGRANTE DELL'EUROPA

Il Cammino di Santiago è stato un mezzo di comunicazione, generatore di una vita sociale ed economica che ha dato luogo alla formazione di città e paesi e, di conseguenza, a una trasformazione del paesaggio. È stata la chiave per lo sviluppo di varie culture europee. Le rotte giacobine hanno favorito la comunicazione e lo scambio di idee, tecniche e progetti che, sulla base delle credenze religiose, hanno generato nei secoli un insieme di proprie forme culturali comuni a tutti i popoli europei. I grandi movimenti culturali e artistici come il romanico, il gotico, le cantighe e le gesta si sono diffuse in tutta Europa creando una cultura comune.

RUTAS EUROPEAS DEL CAMINO DE SANTIAGO-WE
CODICE CALIXTINUS

Si tratta di una raccolta in cinque libri di tutti i testi liturgici, tradizioni giacobine, miracoli e memoria del cammino di pellegrinaggio, realizzati a Compostela nel XII secolo. Cominciò ai tempi di Diego Gelmírez (1100-1140) e si concluse nel decennio 1170-1180 con l'aggiunta di alcuni fogli con notazione musicale, che costituiscono le più antiche polifonie d'Occidente.

  • Libro I: compila i testi liturgici (messe, omelie, prediche) in onore dell'apostolo. Nella predica di Veneranda dies, tratta del significato del pellegrinaggio nel Medioevo.

  • Libro II: raccoglie i 22 miracoli più famosi di Santiago el Mayor.

  • Libro III: dedicato al trasferimento del corpo di Santiago da Gerusalemme alla Galizia.

  • Libro IV: dedicato alle avventure dell'Imperatore Carlo Magno in Spagna. Si narrano la lotta di Carlo Magno e di eroi come Roldán contro i musulmani, la scoperta della tomba di Santiago, la costruzione della città di Santiago e la liberazione del percorso di pellegrinaggio.

  • Libro V: descrive le strade per Santiago in Francia e Spagna. Include il Liber Sancti Iacobi.

  • Appendice musicale al codice. La polifonia più antica d'Europa. Raccolta di ventuno pezzi forse di musicisti francesi che hanno lavorato nello scriptorium della cattedrale di Santiago.

Codex calixtinus-WEB.jpg

Il libro più noto del Codice è il libro V. Aymeric Picaud, un monaco francese del XII secolo che fece il Camino de Santiago. È l'autore del Liber Sancti Iacobi, considerata la prima guida al Camino de Santiago, inclusa nel libro V del Codex Calixtinus, in cui è narrato il Cammino dalla Francia a Santiago. Si fa riferimento ai pericoli del Cammino perché, durante il suo pellegrinaggio, fu attaccato da banditi che uccisero i suoi cavalli. Criticava anche i pedaggi, allora chiamati "portazgos" (pagamenti che i viaggiatori dovevano fare per diritti di passaggio su strade o ponti), pensava che i nobili della zona stessero approfittando della situazione.

Descrive gli elementi geografici, i costumi, gli aneddoti e i pericoli del pellegrinaggio, le distanze tra città, santuari e monumenti, nonché osservazioni sulla gastronomia, l'acqua potabile, il carattere delle persone e le usanze dei paesi. Include un elenco di malattie curate da Santiago.

Aymeric era il segretario personale di Papa Callisto II, al quale i monaci di Cluny attribuiscono il libro, da cui il nome. In linea di principio, il lavoro è stato attribuito a lui in modo che avesse una maggiore diffusione.

Codex Calixtinus-2b-WEB.jpg

La Xunta de Galicia ha accettato di promuovere l'inclusione del Codex Calixtinus

nel registro della “Memoria del Mondo” dell'UNESCO,

destinato alla tutela del patrimonio documentario e bibliografico.

Il XII e il XIII secolo sono tradizionalmente considerati l'età d'oro del pellegrinaggio a Santiago. La confluenza di interessi tra i Re (da Alfonso II ad Alfonso VII o Sancho Ramírez), il Vaticano (Papi Calixto II e Alessandro III), gli Ordini monastici (Cluny e Cister) rendono la popolarità del Camino a Santiago alle stelle.

Migliaia di pellegrini da tutta Europa fanno il pellegrinaggio a Compostela con il loro bastone e la loro mensa di zucca. La capasanta ottenuta accrediterà, al ritorno, il soggiorno a Compostela.

COPIE DEL CODICE CALIXTINUS
Copia Codice.jpg

Il Liber Codex Calixtinus è stato scritto per dare prestigio a Compostela e alla Galizia e per collegarle con il resto d'Europa. In esso viene creata la leggenda dell'apparizione di Santiago all'imperatore Carlo Magno e del suo arrivo a Compostela.

Nella s. XII, a Compostela furono realizzate varie riproduzioni del Codice Calixtino con lo scopo di diffondere il culto e il pellegrinaggio a Santiago in tutta Europa, raggiungendo importanti centri di culto e intellettuali dell'epoca in tutto il continente.

Una delle copie (del XII secolo) è nell'archivio di San Pietro c. 128 della Biblioteca Apostolica Vaticana.

Un'altra copia (del XIV secolo, circa 1325) si trova nella Biblioteca storica generale dell'Università di Salamanca.

Le copie del Liber Sancti Iacobi del Vaticano e di Salamanca prendono a modello il codice di Compostela e includono miniature che mostrano la scena dell'incontro tra Santiago e l'imperatore. Sono due degli unici tre codici miniati di Calixtin (oltre all'originale di Santiago de Compostela) e permettono di osservare dettagli grafici perduti nella Compostela originale, come il volto dell'Imperatore Carlo Magno.

Copia Codex-Vaticano-WEB.jpg
Copia Cox Univ Salamanca-WEB.jpg
MAPPA DI SAWLEY
Mapa de Sawley.jpg

Appartiene alla Parker Library, Corpus Christi College, Università di Cambridge.

La mappa di Sawley (datata intorno al 1190) è stata scoperta nella biblioteca di Sawley Abbey, un monastero cistercense nello Yorkshire. È una delle prime mappe mondiali europee ed è considerata la più antica mappa enciclopedica sopravvissuta (sono rappresentati aspetti geografici e storici, biblici e leggende) delle Isole Britanniche.

Rivela ciò che era noto in Europa del Regno di Galizia nel XII secolo, durante il quale la Galizia ebbe una grande fioritura culturale, economica e istituzionale. La mappa colloca la Cattedrale di Santiago come l'edificio più importante d'Europa, rappresentandola con una dimensione maggiore della Basilica di San Pietro a Roma.

CONCESSIONE DI INDULGENZA PLENARIA AL PELLEGRINAGGIO A SANTIAGO
"VINCI IL GIUBILEO"

Nell'anno 1120, Papa Callisto II concede a Compostela il privilegio di essere anni santi o anni giubilari ogni anno in cui il 25 luglio (giorno di Santiago) cade di domenica, che cade ogni 6, 5, 6 e 11 anni.

Ciò è confermato nel 1179, dalla bolla Regis Aeterni di papa Alessandro III.

Inizialmente la concessione dell'indulgenza plenaria non era qualcosa di stabile, si discute tra gli storici su quando è stato fatto qualcosa di definitivo, alcuni dicono che sia avvenuto nella prima metà del XV secolo (anno santo 1428 o 1434), altri che fu necessario attendere l'anno santo del 1484 in cui papa Sisto IV stabilì la definitiva conferma.

Attualmente l'anno santo si apre con l'apertura pomeridiana della Porta Santa il 31 dicembre dell'anno precedente. Dall'esterno l'arcivescovo di Santiago colpisce tre volte con un martello d'argento il muro che ricopre la porta. La porta rimarrà aperta per i prossimi dodici mesi e sarà l'accesso che tradizionalmente i pellegrini useranno per entrare nella cattedrale.

Puerta Santa Catedral de Santiago-WEB.jp
PUERTA-SANTA-DE-SANTIAGO-2-WEB.jpg

APERTURA DE LA PUERTA SANTA 31-12-2020

Apertura puerta santa-2021b-WEB.jpg
Alfombra floral-puerta Santa-web.jpg
Apertura puerta santa-2021a_WEB.jpg
CONDIZIONI PER VINCERE IL GIUBILEO

L'indulgenza plenaria (perdono di tutte le pene per i peccati commessi) è concessa a tutti i pellegrini che soddisfano le seguenti condizioni:

  • Primo: visita (con qualsiasi mezzo) durante l'Anno Santo la Cattedrale di Compostela dove è custodita la Tomba di Santiago el Mayor.

  • Secondo: recita una preghiera (il Credo, il Padre nostro e chiedi le intenzioni del Papa). Si consiglia di partecipare alla Santa Messa.

  • Terzo: ricevere i Sacramenti della Penitenza e della Comunione, nel periodo compreso tra i quindici giorni prima e dopo la visita a Compostela.

Quando un pellegrino soddisfa le condizioni per ottenere l'indulgenza plenaria, si dice che abbia "vinto il giubileo"

I riti di entrare dalla Porta Santa nella cattedrale, abbracciare la statua dell'apostolo sull'altare maggiore e pregare nella cripta davanti all'arca che contiene le reliquie, non sono né necessari né sufficienti per vincere il giubileo.

La prima condizione può essere sostituita dalla seguente:

  • Se un pellegrino muore durante il viaggio o nella stessa Santiago, con l'intenzione di soddisfare gli altri due, vince automaticamente l'indulgenza plenaria.

  • Se un pellegrino in un Anno Santo è ferito o non si sente bene e non può raggiungere Santiago, può vincere l'indulgenza plenaria se visita la Chiesa di Santiago de Villafranca del Bierzo e soddisfa le altre due condizioni.

  • Se un pellegrino visita la cattedrale di Santiago il 25 luglio (festa di Santiago) di un qualsiasi anno e soddisfa le altre due condizioni.

  • Se un pellegrino visita la Cattedrale di Santiago il 21 aprile (festa della dedicazione della cattedrale) di un qualsiasi anno e soddisfa le altre due condizioni.

  • Se un pellegrino visita la Cattedrale di Santiago il 30 dicembre (festa del trasferimento del corpo dell'apostolo in Galizia) e soddisfa le altre due condizioni.

 
 
RIFIUTO DEI PELLEGRINAGGI A COMPOSTELA

Per vari motivi, i pellegrinaggi iniziano a diminuire

XIV SECOLO

È un secolo in cui ci sono stati molti eventi negativi:

La sensazione di povertà intellettuale cresce  

Petrarca avvia una campagna per il recupero della cultura classica. Credeva che dopo la caduta di Roma la creazione artistica e letteraria fosse caduta nella sua fossa senza fondo e che le Muse fossero andate in esilio.

Petrarca-web.jpg
Guerra dei cent'anni  

Un conflitto tra Inghilterra e Francia si diffuse nelle loro aree di influenza, mantenendo conflitti intermittenti per 116 anni.

Guerra de los cien años-web.jpg
Piccola era glaciale o piccola era glaciale

Dopo un periodo caldo chiamato il clima ottimale medievale (dal X al XIV secolo), a causa di varie cause come la bassa attività solare, l'aumento dell'attività vulcanica, le interazioni oceano-atmosfera, la variabilità del clima naturale e lo spopolamento dell'Europa A causa della peste nera, si sono verificate ondate di freddo intermittenti che hanno colpito l'emisfero settentrionale, in particolare l'Europa, dall'inizio del XIV secolo alla metà del XIX secolo. Ci furono tre minimi: uno nel 1650, un altro intorno al 1770 e l'ultimo nel 1850. Milioni di persone morirono a causa del freddo. Enormi ghiacciai si sono riversati in tutta Europa, i fiumi sono rimasti congelati per molto tempo e gli eschimesi potevano andare in kayak fino alla Scozia.

Tamesis congelado-WEB.jpg
Peste nera (dal 1347 al 1353)

È la più grave pandemia di peste nell'intera storia dell'umanità. È iniziato in Asia e si è diffuso in Europa attraverso rotte commerciali. I lunghi viaggi creano problemi. Il numero di morti varia notevolmente da una regione all'altra, mentre alcune sono state devastate, altre a malapena ne hanno subito gli effetti. Secondo le stime attuali, sono morte tra 75 e 200 milioni di persone. D'altra parte, furono immediatamente giudicati colpevoli e gli ebrei furono accusati di aver causato la pandemia attraverso l'avvelenamento e l'avvelenamento dei pozzi, che provocò l'estinzione delle comunità ebraiche in alcune località.

Peste negra-WEB.jpg
XV SECOLO
Capitolazioni di Granada (2-01-1492)

Si svolgono le Capitolazioni di Granada in cui il re musulmano Boabdil consegna le chiavi della città e dell'Alhambra ai monarchi cattolici. Con la conquista di Granada i monarchi cattolici finalizzarono la riconquista.

Santiago Matamoros non è più necessario.

Capitulaciones de Granada-WEB.png
Scoperta dell'America (12-10-1492)  

Scoperta dell'America. Colombo dimostra ai cittadini europei che il mondo non finisce a Finisterre, che oltre ci sono altre terre e non altri mondi fuori dalla Terra.

DESCUBRIMIENTO DE AMERICA-WEB.jpg
XVI e XVII SECOLO
La Terra non è più il centro dell'Universo

Nel 1543 viene pubblicata l'opera di Copernico "Sulle rivoluzioni delle sfere celesti", la Terra gira intorno al Sole. Nel 1610, Galileo pubblica il "Sidereus Nuncius" ("Il Messaggero Siderale"), la Luna ha monti e valli , Venere ha fasi, Giove ha satelliti che ruotano attorno ad esso. Vale a dire,

Finisterre non è la fine del mondo.

Copernico-WEB.jpg
Galileo-EWEB.jpg
I protestanti dissuadono i loro seguaci dal pellegrinaggio a Compostela

Lutero afferma quanto segue "Voglio dire, non si sa se ci sia James o un cane o un cavallo morto ..." ... quindi, lascialo sdraiare e non andarci ... ".

Lutero-WEB.jpg
Nascondere i resti di Santiago Apóstol

Nel 1589, Juan de Sanclemente y Torquemada (arcivescovo di Santiago nel periodo 1587-1602) nasconde le spoglie dell'apostolo Santiago senza avvisare nessuno. Secondo i verbali del Consiglio della Cattedrale, si nascondono davanti alla minaccia del corsaro Francis Drake.

Come risposta dell'Inghilterra al fallito attacco da parte della Invincible Armada, il corsaro inglese aveva attaccato la città di La Coruña mesi prima e si poteva sospettare che uno dei suoi obiettivi potesse essere un centro della cristianità come Santiago de Compostela.

La storica Ofelia Rey, docente di Storia Moderna all'Università di Santiago de Compostela, ha affermato che “le spoglie dell'Apostolo Santiago furono nascoste dalla fine del Cinquecento alla fine dell'Ottocento, senza che nessuno cercasse di cercarle, quella di Drake era piuttosto un pretesto. grezzo, perché non era quella la causa ”.

A quel tempo si stava creando la Lipsanoteca del monastero di El Escorial , con l'idea di raccogliere lì le reliquie più importanti del mondo. Il cronista Ambrosio de Morales, ha inviato a Felipe II un rapporto molto critico su come venivano curate le reliquie distribuite intorno alla cattedrale. Un rapporto successivo raccomanda a Felipe II di portare le spoglie dell'apostolo Santiago all'Escorial. Inoltre, durante una causa tra i cinque vescovati della corona di Castiglia e la cattedrale di Compostela, uno degli avvocati castigliani ha basato la sua difesa sul fatto che la documentazione della cattedrale di Santiago e le spoglie dell'apostolo sono false, quindi, è richiesto un'ispezione visiva di loro.

Secondo Ofelia Rey, le spoglie dell'apostolo sono nascoste per paura che finissero in un luogo diverso dalla cattedrale di Santiago.

Di conseguenza, il 25 luglio 1867, solo poche decine di pellegrini erano giunti a Compostela.

 
SALITA DAI PELLEGRINAGGI A COMPOSTELA
Cstedral de Santiago-2-web.jpg

Nel 1879, l'arcivescovo Payá Rico scoprì le spoglie dell'apostolo e ottenne l'approvazione dell'autenticità delle reliquie dalle autorità ecclesiastiche e scientifiche spagnole dell'epoca, che fu ratificata da Papa Leone XIII nella sua Bolla Deus Omnipotens.

Nell'ultimo quarto del XX secolo, c'è stata una rinascita dei pellegrinaggi a Santiago, con un ruolo di primo piano svolto dal Sig. Víctor Vázquez Portomeñe (Ministro dell'Istruzione, Ministro delle Relazioni Istituzionali, Ministro della Cultura, Consigliere per gli Affari Parlamentari della Xunta de Galicia; Senatore spagnolo) e il signor Elías Valiña Sampedro (parroco di O Cebreiro).

L'impulso definitivo per il pellegrinaggio furono le visite a Compostela dei Papi; Giovanni Paolo II nel 1982 e nel 1989 in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù e Benedetto XVI nell'Anno Santo 2010.

Victor_Vazquez_portomeñe-WEB.jpg

Víctor Vázquez Portomeñe nelle sue fasi di Consigliere della Xunta de Galicia, il primo programma per la celebrazione e la diffusione dell'Anno Santo giacobino è stato sviluppato nel 1993 e sono state approvate le leggi sul patrimonio culturale della Galizia (Legge 8/1995) e la Legge sulla protezione . delle strade di Santiago (Legge 3/1996).

Elías Valiña Sampedro, nel 1982 ha diretto la pubblicazione della "Guida del pellegrino. Camino de Santiago". Dal 1985, in qualità di Commissario Coordinatore del Cammino, ha promosso la creazione della maggior parte delle associazioni giacobine spagnole e ha diretto il Bollettino del Camino de Santiago nella sua prima fase.

Studente del Cammino di Santiago, ha recuperato tratti perduti del Cammino Francese che ha segnato con frecce gialle dalla Francia a Santiago.

Elías_Valiña_Sampedro-WEB.jpg
IL CAMINO DE SANTIAGO È ANCORA "L'ASSE INTEGRANTE DELL'EUROPA"

L'Unione Europea si sta costruendo. È interessante promuovere ancora una volta il Cammino di Santiago per contribuire all'unione dei vari paesi europei.

Attualmente, il Camino de Santiago è uno spazio legato all'idea di Europa. Ovunque proliferano associazioni, confraternite, confraternite, centri di studio e istituti il cui scopo è lo studio e la diffusione dell'evento giacobino e la sua proiezione nella storia e nella cultura europea.

Allo stesso tempo, i pellegrinaggi sono tornati in vigore. Motivi spirituali, culturali, storici, artistici, sportivi spingono persone di tutte le nazionalità e idee a percorrere il Cammino di Santiago a Compostela.

Il Camino a Santiago è stato ed è una fonte di trasmissione di cultura e arte.

.

Nel 1987 il Consiglio d'Europa ha assegnato alla strada il titolo di "Itinerario Culturale Europeo".

Nel 1993 il Camino de Santiago è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.

IL PELLEGRINAGGIO A SANTIAGO NEL XXI SECOLO
Plan estrategico-1-WEB.jpg
Plan estrategico-2-WEB.jpg
 
 
PERCORSI DEL CAMINO DE SANTIAGO

I diversi percorsi percorsi dai pellegrini che si recano a Santiago de Compostela in pellegrinaggio sono chiamati Camino de Santiago.

Si potrebbe dire che ci sono tanti cammini del Cammino di Santiago quanti sono i pellegrini.

Tuttavia, alcune rotte sono state ufficialmente stabilite

in modo che i pellegrini abbiano un minimo di servizi e segnaletica.

In Spagna ce ne sono più di cinquanta e ce ne sono centinaia in tutta Europa.

Per un percorso che sia il Camino de Santiago

Deve avere una storia documentata del passaggio dei pellegrini e dell'accoglienza dei camminatori attraverso ospedali o rifugi.

Il percorso più noto è il "Cammino Francese", dichiarato Patrimonio dell'Umanità nel 1993. Nel 1998, l'UNESCO ha anche dichiarato le Vie di San Giacomo in Francia Patrimonio dell'Umanità (Camino de Tuy, Camino de Limoges, Camino de Tours e Cammino di Arles o Tolosa). Nel 2015 sono stati dichiarati Patrimonio dell'Umanità: il Camino de la Costa, il Camino Primitivo, il Camino Lebaniego e il Camino Vasco del Interior. Ma ci sono molti altri percorsi.

Rutas oficiales del camino de santiago-1
SEGNALETICA DEI PERCORSI UFFICIALI
IL GUSCIO DI VIEIRA

Il guscio di capesante, noto anche come guscio di Santiago, è il simbolo per eccellenza dei vari percorsi ufficiali per Santiago. Tuttavia, prima che il Camino de Santiago fosse stabilito, aveva già un significato in quanto appare scolpito in varie tombe dei primi cristiani.

All'inizio del cammino di Santiago, quando i pellegrini arrivavano a Santiago, acquistavano una conchiglia di capesante che mettevano sul capo o sul cappello per indicare che erano arrivati a Compostela.

Concha de vieira natural-2-WEB.jpg
FRECCE GIALLE

Indicano la direzione da seguire quando si raggiunge un certo punto. Sono dipinti sugli alberi, sui lampioni, per terra, sui muri ...

L'idea è venuta a Don Elías Valiña (parroco di O Cebreiro) e successivamente è stata seguita dalle Pubbliche Amministrazioni e dalle Associazioni degli Amici del Cammino.

Nell'immagine potete vedere Aida Menéndez Lorenzo, presidente dell'associazione “Camiños a Santiago pola Ribeira Sacra”, che dipinge una freccia gialla su un semaforo a Monforte de Lemos.

Aida pintando flecha amarilla-WEB.jpg

Attualmente, per indicare che siamo su una strada per Santiago, è inserito nei muri, pietre miliari, cartelli, pannelli informativi, rifugi, è un logo di conchiglia formato da linee gialle (che simulano i canali della conchiglia) su uno sfondo blu. Questi colori sono usati, in quanto sono i colori ufficiali della bandiera dell'Unione Europea.

Logotipo del Camino de santiago-WEB.jpg
LOGO GUSCIO LA VIEIRA
PIETRA MILIARE

In alcuni punti delle strade per Santiago, le Pubbliche Amministrazioni hanno posizionato dei segnali con il logo della conchiglia incisa sul volto più visibile per il pellegrino, per indicare che si trova su un cammino ufficiale per Santiago. L'orientamento del logo non indica la direzione da seguire, solo che è su strada, la direzione è indicata dalle frecce gialle. In Galizia sono indicati anche i chilometri rimanenti per raggiungere Santiago.

Mojon en el camino-WEB.jpg
 
IL MISTICO DELLA STRADA

Il misticismo cerca di connettere spiritualmente le persone con ciò che è extra terreno.

Nella scuola neoplatonica si cercava l'illuminazione interiore dell'anima approfondendo l'intelligenza intuitiva invece dell'intelligenza puramente razionale. Le esperienze mistiche non possono essere comprese razionalmente o espresse a parole, non possono essere verificate dalla ragione o dai sensi, ma possono essere sentite. Si tratta di svolgere un'attività spirituale con l'obiettivo di fondere l'anima umana con la divinità.

Il più delle volte, la società di oggi è interessata solo a cose e preoccupazioni materiali o terrene, dimenticando la connessione con il trascendente, tenendo conto del lato mistico.

ANTONIO MACHADO

("Proverbios y Cantares" del libro Campos de Castilla)

Caminante, son tus huellas

el camino y nada más;

Caminante, no hay camino,

se hace camino al andar.

Al andar se hace el camino,

y al volver la vista atrás

se ve la senda que nunca

se ha de volver a pisar.

Caminante no hay camino

sino estelas en la mar.

Per Antonio Machado conta solo ciò che è vissuto: "Caminante, il sentiero sono le tue orme, e nient'altro ...", per vivere devi decidere di percorrere il sentiero, quello che vuoi e che immagini conta poco.

LEÓN FELIPE

(Ven con nosotros)

 

Cuando me han visto solo y recostado

al borde del camino,

unos hombres con trazas de mendigos

que cruzaban rebeldes y afanosos

me han dicho;

–Ven con nosotros, peregrino.

Y otros hombres con portes de patricios

que llevaban sus galas intranquilos,

me han hablado lo mismo:

–Ven con nosotros, peregrino.

Yo a todos los he visto

perderse allá a lo lejos del camino…

y me he quedado solo,

sin despegar los labios, en mi sitio.

Il percorso è un'esperienza unica, contagiosa e beata che non può essere vissuta se non lo facciamo.

MODI PER ESEGUIRE IL MODO

Il percorso si può fare con un doppio obiettivo:

Da un lato come svago per godersi la natura, il paesaggio, i monumenti, il cibo, trovare nuovi paesaggi, nuove persone, nuovi luoghi, e dall'altro, come riflessione su se stessi e sugli insegnamenti che il tutta la vita.

  • Camminare da soli permette di riflettere sulla vita, sull'importanza di ogni momento, sullo scorrere del tempo, sul modo di affrontare l'esistenza e di scoprire nuovi orizzonti. Ogni persona deve percorrere il proprio percorso "Walker non c'è Sentiero" e deve decidere di percorrerlo affrontando l'incertezza di ciò che accadrà.

  • Camminare in gruppo ci permette di condividere esperienze con altri pellegrini.

In entrambi i casi, che camminiamo da soli o in gruppo, possiamo e dobbiamo comprendere le tracce (oggetti, edifici, ...) che hanno lasciato chi ci ha preceduto sulla strada, dall'antichità ai giorni nostri. Per avere una buona memoria della strada, è conveniente camminare leggeri, sensibili (catturando tutto), liberi (senza legami).

Fare il Camino è un'attività mistica.

Si tratta di riflettere su se stessi, sulla natura,

sulle relazioni sociali del nostro tempo e di altri tempi,

sul trascendente.

Il modo materiale in cui è realizzato il percorso è secondario: si può fare a piedi, a cavallo, in bicicletta o in macchina.

Il Cabildo Compostelano non ritiene che la strada si possa fare in macchina, credo si sbagliano. Ci sono molte persone anziane e bambini che non possono eseguire lo sforzo fisico delle altre procedure, ma possono svolgere la stessa o una maggiore attività mistica prendendo la strada in auto.

Camminare ti fa mettere il pilota automatico in molti momenti ed è qui che entra in gioco la tua eco interiore: ascolti ciò che ti ferisce fisicamente ed emotivamente e capisci a cosa vuoi tornare e cosa no. Il Camino è una cura meravigliosa.

Ho scoperto di essere capace di essere indipendente. Andare da solo, incontrare molte persone e divertirmi mi ha mostrato che potevo camminare per il mondo da solo. Non siamo abituati ad andare da soli in posti che non conosciamo. Non avevo mai viaggiato da solo. Ho scoperto che nessuno ti mangia.

Anche se vai con le persone, lo fai da solo: devi camminare al tuo ritmo e stare da solo con te. È essenziale andare al proprio ritmo e che ognuno arrivi quando arriva. Non ti perderai nulla, troverai qualcuno che ti aiuterà.

.

“È essenziale andare per la tua strada ed essere solo con la tua eco interiore. È una cura meravigliosa "

.

Dolores Redondo

 
ACCREDITAMENTO UFFICIALE DELLA REALIZZAZIONE DELLA STRADA
CREDENZIALE DEL PELLEGRINO

La credenziale è un documento che certifica che una persona sta facendo il Cammino di Santiago e quindi è un pellegrino. inizialmente si trattava di una lettera emessa dal parroco della parrocchia a cui apparteneva la persona o da un'autorità analoga. La grande varietà di strade e l'alto numero di pellegrini e di origini hanno portato all'elaborazione di un modello ufficiale di accreditamento.

MODELLO UFFICIALE DELLA CREDENZIALE

Oggi esiste un modello ufficiale di credenziali distribuito e accettato dall'Ufficio del pellegrinaggio della diocesi di Santiago. Può essere ottenuto richiedendolo di persona presso l'Ufficio Accoglienza Pellegrini o presso altre istituzioni autorizzate dalla Cattedrale di Santiago per la distribuzione, come parrocchie, Associazioni di amici del Camino de Santiago, ostelli per pellegrini, confraternite, ecc. In Spagna e fuori dalla Spagna, alcune associazioni legate al pellegrinaggio sono state autorizzate a distribuire le proprie credenziali con riferimento alla meta del pellegrinaggio nella Cattedrale di Santiago.

MODELO CREDENCIAL-WEB.jpg
Modelo credencial-2-WEB.jpg

La credenziale ufficiale e altre riconosciute dalla Cattedrale di Santiago sono stampate su cartoncino e si compone di sedici pagine che si aprono a forma di fisarmonica. Le prime pagine sono illustrate nella foto che accompagna il testo. La prima pagina funziona come una lettera di presentazione e deve essere compilata presso l'associazione di distribuzione con le informazioni del pellegrino. C'è anche uno spazio in alto per il timbro dell'ente che ha consegnato la credenziale; In fondo alla stessa pagina, una volta terminato il pellegrinaggio, verranno apposti la data e il sigillo della Cattedrale.

ESEMPIO

Devi raccogliere i timbri dei luoghi per i quali stai passando nella "Credenziale del Pellegrino", che funge da certificato di passaggio. Sono preferiti i francobolli di chiese, ostelli, monasteri, cattedrali e tutti i luoghi legati al Camino, ma in mancanza di questi può essere sigillato anche in altre istituzioni: municipi, caffè, ecc. La credenziale deve essere timbrata due volte al giorno, alla partenza e all'arrivo della tappa corrispondente, compresa la data corrispondente, in modo che si veda che il pellegrino ha ripreso il Cammino nello stesso luogo in cui l'aveva lasciato ( deve sempre sigillare nel punto in cui inizia, anche se lo avevamo già sigillato nello stesso punto alla fine della fase precedente).

credenciales para compostela-WEB.jpg

La credenziale è fondamentale per poter utilizzare i rifugi lungo il percorso e per ottenere la Compostella

ACCREDITAMENTO DEL PELLEGRINAGGIO
ALLA TOMBA DI SANTIAGO - LA COMPOSTELLA

Quando il pellegrinaggio alla Tomba di Santiago è stato istituzionalizzato, ha acquisito considerazioni sociali e religiose, quindi, è stato necessario dimostrare che era stato effettuato. Inizialmente, è stata utilizzata un'insegna (il guscio di capesante) che è stata acquisita solo a Santiago. Questi distintivi erano facili da contraffare così furono venduti all'ingresso di Santiago, il che portò il Papa a decretare una pena di scomunica per i falsari. Per questo motivo nel XIII secolo furono istituite come accreditamenti le cosiddette lettere di prova, che era molto più difficile da falsificare. Queste lettere sono l'origine della Compostella.

Il boom del turismo ha fatto temere al Cabildo della Chiesa Metropolitana di Santiago che lo sforzo e il sacrificio in espiazione per i peccati del pellegrinaggio a piedi, diventassero un'attività ludica per trascorrere le vacanze, quindi è solo scontato la "Compostela" per chi si reca a Santiago a piedi, in bicicletta oa cavallo per motivi religiosi e / o spirituali.

CONDIZIONI PER OTTENERE LA COMPOSTELLA

Fai il pellegrinaggio per motivi religiosi o spirituali.

Fare gli ultimi 100 km o gli ultimi 200 km a piedi oa cavallo. Ciclismo.

Presentare la credenziale perfettamente timbrata per giustificare il rispetto delle condizioni richieste.

I bambini e il pellegrinaggio

Possono ricevere la “Compostela” i bambini che fanno il pellegrinaggio con i genitori o in gruppo, e che hanno ricevuto il sacramento della Comunione, o che hanno la capacità di capire cosa significa la natura spirituale o religiosa del Cammino. Se non sono abbastanza maturi a causa della loro giovane età, ricevono un certificato speciale con i loro nomi. Nel caso di neonati o bambini molto piccoli, i loro nomi sono riportati nella “Compostela” dei genitori o dell'adulto accompagnatore.

TESTO DELLA COMPOSTELLA

La Compostella è scritta in latino. La sua traduzione in spagnolo è la seguente:

Il Cabildo di questa Chiesa Cattedrale Santa Apostolica e Metropolitana di Compostela, custode del sigillo dell'Altare di Santiago Apostolo, a tutti i Fedeli e pellegrini che giungono da qualsiasi parte dell'Orb della Terra con atteggiamento di devozione o per voto o promessa, pellegrinaggio al Tomba dell'apostolo, nostro patrono e protettore della Spagna, riconosce a tutti coloro che osservano questo documento che:

...

Ha visitato devotamente e cristianamente questo tempio sacro dopo aver percorso gli ultimi cento chilometri a piedi ea cavallo o in bicicletta gli ultimi duecento in senso cristiano (pietatis causa).

A testimonianza di ciò vi do questo documento avallato con il sigillo di questa stessa Santa Chiesa.

Dato a Santiago de Compostela nel giorno ... mese ... anno del Signore ...

Il Decano della Cattedrale SAMI di Santiago de Compostela.

BENEFICI MATERIALI DEL COMPOSTELA

Nel XVI secolo i monarchi cattolici istituirono la Royal Hospital Foundation e ordinarono la costruzione dell'edificio che oggi occupa l'Hostal de los Reyes Católicos. I pellegrini presentando la Compostela hanno acquisito il diritto di essere ospitati gratuitamente per tre giorni. Nel 1954 divenne Parador de Turismo, che, secondo l'Ufficio ACCOGLIENZA DEL PELLEGRINO, continua ad offrire pasti gratuiti ai primi pellegrini che ogni giorno vengono in Ostello con la "Compostella", o una fotocopia di essa. .

ESEMPIO
Compostela-2010-WEB.jpg
DIPLOMA DI AVER COMPLETATO LA STRADA

Se, presentando l'accreditamento correttamente compilato, si dice che il viaggio è stato effettuato per motivi culturali ma non religiosi, è possibile richiedere un diploma che serva a ricordare che il Cammino di Santiago è stato completato.

Diploma de haber realizado el camino-WEB
TRATTAMENTO DIGITALE DELLE INFORMAZIONI DEL PELLEGRINO
REGISTRO DIGITALE DEI PELLEGRINI

Dal mese di luglio 2020 il pellegrino può registrarsi online sul sito web dell'Ufficio del Pellegrino. Al seguente indirizzo è possibile scegliere la lingua utilizzata:

 

https://catedral.df-server.info/agencias/Banderas.aspx?ind=1

Eleccion de idioma en el registro del pe

Il modulo da compilare è il seguente:

 

https://catedral.df-server.info/agencias/Individuo.aspx?lang=2

FORMULARIO DEL REGISTRO ONLINE DEL PEREG
CREDENZIALE DIGITALE DEL PELLEGRINO

A partire dal 1 gennaio 2021 i pellegrini, tramite un'applicazione mobile, potranno registrare il loro percorso su una credenziale digitale, in cui potranno entrare nei luoghi che hanno attraversato.
Sarà presente un SITO UFFICIALE in cui le strutture che forniscono timbri alle credenziali del pellegrino potranno registrarsi per digitalizzare la propria immagine e ottenere un QR code con il quale, una volta scansionato dal pellegrino con il proprio cellulare, verrà automaticamente incorporato nelle proprie credenziali digitali.
L'immagine dei francobolli che verranno incorporati virtualmente sarà la stessa di quella della credenziale cartacea, con la quale coesisterà.

Non utilizzando le credenziali cartacee si evitano i contatti interpersonali e si accelerano le procedure. Inoltre, sarà sincronizzato con l'anagrafica digitale dei pellegrini, snellendo così l'intero processo ei responsabili dell'Ufficio del pellegrino potranno fare una stima del numero di pellegrini che arriveranno a Santiago nelle prossime date e applicare le risorse di coloro che avere.

PIATTAFORMA IN LINEA PER FACILITARE L'OTTENIMENTO DI COMPOSTELA

L'Ufficio di accoglienza del pellegrino ha annunciato lo sviluppo di una piattaforma online per facilitare l'ottenimento della Compostela da parte del pellegrino.

Il pellegrino si registrerà in anticipo sul sito web dell'Ufficio del pellegrino e compilerà il modulo inviato. In questo modo si anticipano i dati per quando si vuole ottenere la Compostela e si accelera il tempo di attenzione.

Una volta che il pellegrino ha terminato il suo tour e arriva al Centro di Accoglienza, situato in via Carretas de Santiago, potrà ritirare un biglietto che consente una coda virtuale. I ticket includono un codice QR attraverso il quale gli utenti possono controllare in tempo reale lo stato della coda e la loro posizione in essa, oltre a una stima del tempo di attesa. In questo modo, ogni persona può calcolare il momento in cui deve presentarsi in ufficio.

PRENOTAZIONI ONLINE IN OSTELLI PUBBLICI

La Xunta ha sviluppato una piattaforma online alberguesxacobeo.gal , per prenotare un posto negli ostelli pubblici sul Camino de Santiago. Attraverso di esso puoi accedere a un motore di ricerca con tutti gli stabilimenti della rete pubblica, puoi localizzare gli ostelli a seconda del percorso che segui e puoi effettuare una prenotazione dal giorno prima fino alle 13:00. andare a pernottare. Sono richiesti il nome, l'email e la data della prenotazione e, facoltativamente, un numero di telefono di contatto. È possibile prenotare per gruppi fino a cinque persone. Non è necessario registrarsi, ma così facendo accelererai il processo.

In alternativa, puoi ottenere un posto quando arrivi allo stabilimento purché abbia capacità.

La Xunta sta sviluppando un'altra piattaforma analoga per prenotare un posto online in ostelli privati.

GIUBILEO contro COMPOSTELLA

Il Giubileo è una grazia spirituale mediante la quale si ottiene il perdono di tutti i peccati commessi. Per ottenerlo, non devi andare per la strada, devi solo visitare la Cattedrale di Santiago nell'Anno Santo con qualsiasi mezzo di trasporto, pregare e chiedere il Papa e confessarti e ricevere la comunione.

Entrare dalla porta santa, abbracciare l'apostolo e pregare nella cripta davanti all'arca contenente le reliquie sono riti stabiliti dalla tradizione che non sono né necessari né sufficienti per ottenere il Giubileo.

La Compostela è un documento che certifica che gli ultimi 100 km di un percorso ufficiale o gli ultimi 200 km in bicicletta sono stati percorsi a piedi oa cavallo per motivi religiosi o spirituali, in qualsiasi anno e in qualsiasi data. Non c'è bisogno di visitare la cattedrale, di pregare, di confessarsi o di fare la Comunione.

Di conseguenza, si possono fornire le quattro possibili combinazioni:

  • Ottieni il Giubileo e la Compostela.

  • Ottieni il Giubileo ma non la Compostella.

  • Prendi la Compostella ma non il Giubileo.

  • Non ottenere né la Compostela né il Giubileo. Se è accreditato di aver completato il percorso, può essere richiesto un diploma / promemoria

 
 
DEVOZIONE POPOLARE E ICONOGRAFIA DI SANTIAGO

Numerose sono le credenze / leggende sui miracoli compiuti dall'apostolo Santiago per cui è stata professata una grande devozione, il risultato della quale è la creazione di numerosi templi dedicati all'apostolo e numerose rappresentazioni in pittura e scultura. Non solo in Europa, dal XVI secolo, c'è una grande devozione a Santiago in America Latina.

Secondo Payo Hernández, Santiago è l'apostolo più rappresentato e con diverse caratterizzazioni nel tempo. Sono stati fatti diversi tipi di rappresentazioni:

  • Quelli che si riferiscono al suo martirio.

  • Quelle che si riferiscono al trasferimento del suo corpo.

  • Quelle che fanno riferimento all'arresto dei buoi per indicare il luogo di sepoltura delle loro spoglie.

Esistono diverse caratterizzazioni di Santiago:

  • Come apostolo (con tunica, mantello, libro sacro, piedi nudi e un'etichetta con il suo nome o una frase dei testi sacri).

Santiago-Apostol-2-WEB.jpg
Santiago-Apostol-3b-WEB.jpg
  • Come una maestà seduta (è rappresentato come un apostolo ma seduto su una sontuosa sedia o trono e in mano un bastone arcivescovile che ricorda il bastone su cui si appoggiavano gli apostoli camminando. A volte gli viene messa una corona).

Santiago-Majestad-1-WEB.jpg
  • Da pellegrino (tunica corta, mantello largo con mantello, cappello a tesa larga con capesante, bastone con zucca appesa e borsa).

Santiago-Peregrino-1-WEB.jpg
Santiago-Peregrino-4-WEB.jpg
  • Come cavaliere / cavaliere o Santiago matamoros (su un cavallo bianco che brandisce una spada e talvolta porta uno stendardo e ai suoi piedi teste moresche. A volte la croce dell'ordine dei Cavalieri di Santiago è rappresentata sul petto dell'apostolo).

Santiago-Matamoros-5-WEB.jpg
Santiago matamoros-museo del prado-WEB.j

D'altra parte, l'abbigliamento utilizzato riflette la diversità degli usi e delle mode a seconda dei tempi e delle aree geografiche in cui sono state realizzate le immagini.

Allegoricamente la borsa simboleggia la povertà e la generosità che ogni pellegrino dovrebbe avere. Il bastone secondo il libro I del Codex Calixtinus è come un terzo piede che simboleggia la Trinità e il pettine simboleggia la virtù della carità o delle buone opere che devono essere eseguite.

Santiago Matamoros è un simbolo della difesa della fede cristiana. La spada può simboleggiare il fatto che è morto decapitato.

Santiago è l'unico apostolo che presenta una tale varietà iconografica.

COMPONENTI TRADIZIONALI DELL'ABBIGLIAMENTO DEL PELLEGRINO
Vestimenta del peregrino.jpg
EQUIPAGGIAMENTO CONSIGLIATO PER IL PELLEGRINO DEL XXI SECOLO

L'attrezzatura da prendere dipende da come viene effettuato il percorso. Se hai prenotato hotel, ostelli o pensioni o se dormirai in ostelli o centri sportivi.

OGNI PELLEGRINO DECIDE CHE COSA PORTARE PER FARE LA STRADA MA MI PERMETTONO DI FARE ALCUNI CONSIGLI:

  • Buoni scarponcini da trekking, realizzati in materiale idrofobico e con una forte presa e suola antiscivolo. La calzatura non verrà mai rilasciata, sarà stata preventivamente utilizzata per adattarla ai piedi e verificare che non produca sfregamenti.

  • Alcune ciabatte o sandali per i periodi di riposo.

  • Uno o due bastoni con doppio supporto (o stampelle) ripiegabili e regolabili in caso di infortunio. Inoltre facilitano il passaggio di pozzanghere e ruscelli e servono a spaventare gli animali fastidiosi.

  • Un berretto con visiera.

  • Occhiali da sole.

  • Abbigliamento comodo, adatto alla stagione in cui viene effettuato il viaggio, con un assortimento di calze da trekking. Anche in estate devi indossare abiti caldi e guanti impermeabili in inverno.

  • Uno strato d'acqua.

  • Uno zaino anatomico con cinghie di regolazione larghe e imbottite.

  • Una mensa.

  • Un coltello multiuso.

  • Una torcia elettrica.

  • Se non hai precedentemente prenotato una camera con un letto protetto, dovrai portare un sacco a pelo, un materassino, una federa e articoli per l'igiene personale (compresa la carta igienica).

  • Del cibo.

  • Documentazione personale. Inoltre una catena con targhetta riportante: nome e cognome, indirizzo, possibili reazioni allergiche e numero di telefono da chiamare in caso di emergenza o che il nostro portafoglio è stato rubato.

  • La credenziale di un pellegrino. Senza di essa i rifugi non possono essere utilizzati e non si può dimostrare che il percorso per ottenere la compostella sia stato fatto.

  • Articoli di cucito di base: ago, filo, pinzette.

  • Un taccuino, una matita e una penna per prendere appunti, fare schizzi o disegnare.

  • Un kit di pronto soccorso di base con: cotone, nastro ipoallergenico, bende, alcool o betadine, cerotti, aghi ipodermici e compeed (cerotti, medicazioni) per vesciche, tagliaunghie, crema solare, vaselina, Cuatrocrem, repellente per insetti ...

  • Binocolo 10x25 wp.

  • Una fotocamera compatta con un'ampia gamma di lunghezze focali (da 21 mm a oltre 1000 mm) con controlli manuali o bridge.

  • In caso di emergenza: telefono senza dati, senza WIFI ma con GPS. Puoi utilizzare il cellulare che hai disattivando la rete dati e il WIFI e utilizzare Google Maps offline scaricando preventivamente la mappa del luogo.

Per ulteriori informazioni, fare clic sul seguente collegamento o immagine:

Fisioterapia en el camino.jpg
REFRANES POPULARES

"Consapevole, la strada è sicura"

"Lunga strada, breve passo"

"Camino de Santiago, sia la camminata zoppa che quella salutare"

"Chi cammina di fretta, inciampa su una strada pianeggiante"

"Se sei su un sentiero strano, non alzare molto la tunica"

"In caso di cattiva pioggia, buon ombrello"

 
 
REQUISITI PER DICHIARARE UFFICIALMENTE UN PERCORSO
LA STRADA DI SANTIAGO

Affinché un percorso possa essere ufficialmente dichiarato Camino de Santiago, si ritiene necessario presentare documenti in cui siano giustificati i seguenti elementi:

  • Il percorso ha una storia documentata del passaggio dei pellegrini.

  • Il percorso ha una storia documentata di accoglienza dei camminatori attraverso ospedali o rifugi.

RECONOCIMIENTO OFICIAL DEL CAMINO DE INV
RECONOCIMIENTO OFICIAL DEL CAMINO DE INV

Altri documenti che favoriscono la dichiarazione ufficiale sono: c'erano strade romane prima che fossero vie di pellegrinaggio, sono stati trovati resti archeologici, segni specifici, culti e luoghi legati al pellegrinaggio, come: toponomastica, tradizioni locali, documentazione archivistica, letteratura ordeporica ( tratta degli eventi e delle cose viste durante un viaggio, storie di pellegrini che vengono conservate), testi letterari, cartografia storica, ecc.

Enlace-2.jpg