Indice.jpg
Ocultar enlace-2.jpg

STRADA INVERNALE PER SANTIAGO ATTRAVERSO LA RIBEIRA SACRA

Logo-Caminos a Santiago-WEB.jpg
Scegli una lingua

(Traduzione eseguita dallo spagnolo con Google Traduttore)

PORTADA-CAMINO INVIERNO-6-web.jpg

La Santa Sede ha decretato la proroga dell'Anno Santo 2021 per tutto l'anno 2022 a causa delle circostanze eccezionali che circondano la sua celebrazione a causa della pandemia covid-19.

(Ultimo aggiornamento: 02-12-2021)
 
ASSICURAZIONE COVID

La Xunta de Galicia ha contratto un'assicurazione per il coronavirus con la compagnia Europ Assistance

che copre pellegrini e turisti in visita in Galizia.

Copre le spese sanitarie (mediche, chirurgiche, farmaceutiche e di ricovero), l'alloggio (per quarantena obbligatoria su prescrizione medica) o il trasporto (per rimpatrio medico) derivanti da un possibile caso di infezione da covid-19, compresi i familiari o accompagnatori del viaggiatore. Sarà gratuito per tutti i visitatori con residenza al di fuori della Galizia che soggiornano in uno stabilimento regolamentato della comunità galiziana. L'unica condizione è che il viaggiatore non abbia contratto la malattia prima di arrivare in Galizia e che non abbia effettuato il viaggio quando è sconsigliato o vietato dalle autorità sanitarie di origine.

Intervista realizzata il 30/06/2021 con il presidente della Xunta de Galicia, Alberto Núñez Feijoo:
Entrevista a Núñez Feijoo realizada el 30-6-2021
00:00 / 04:23
 
 

LEÓN FELIPE

(¡Qué pena!)

¡Qué pena si este camino fuera

de muchísimas lenguas

y siempre se repitieran

los mismos pueblos, las mismas ventanas,

los mismos rebaños, las mismas recuas!

 

¡Qué pena si esta vida tuviera

–esta vida nuestra–

mil años de existencia!

¿Quién la haría hasta el fin llevadera?

¿Quién la soportaría toda sin protesta?

¿Quién lee diez siglos en la Historia y no la cierra

al ver las mismas cosas siempre con distinta fecha?

Los mismos tiranos, las mismas cadenas,

las mismas guerras,

los mismos farsantes, las mismas sectas

¡y los mismos, los mismos poetas!

 ¡Qué pena,

que sea así todo siempre, siempre de la misma manera!

Per fare un pellegrinaggio a Santiago senza ripetere le stesse città, né le stesse finestre e le stesse greggi, è rinato

LA STRADA D'INVERNO

LE CALZATURE ROMANE NELLA LORO ORIGINE

Da Ponferrada, il pellegrino ha due opzioni per proseguire per Santiago, lungo il Cammino Francese (andando dritto) o il Cammino Invernale (girando a sinistra). Almeno dai tempi dell'Impero Romano, il Cammino d'Inverno è l'ingresso naturale in Galizia dall'altopiano. Seguendo il corso del fiume Sil, il percorso è stato seguito nel corso della storia da diverse città per entrare in Galizia, dalle truppe romane e francesi, alla ferrovia e all'accesso centrale su strada per la Galizia.

Per tracciare il percorso sono state utilizzate diverse strade secondarie romane.

  • La strada G-51 (da Ponferrada a las Médulas attraverso il Cornatel), appare sulla mappa "Indice delle strade romane e dei sentieri millenari della Hispania" di Gonzalo Arias.

  • La strada G-40 (attraversa Quiroga, Barxa de Lor, Monforte, Codos de Belesar, Chantada), appare sulle mappe "La costruzione del territorio - Carta storica del nord-ovest della penisola iberica" di José Ramón Menéndez de Luarca.

  • Tratti della Vía Nova o via XVIII dell'Itinerario Antonino, che collegava le attuali città di Braga (portogallo) e Astorga (provincia di León in Spagna) e attraversava le regioni di Valdeorras nella provincia di Orense e El Bierzo in la provincia di León che termina ad Astorga dopo aver superato il porto di Manzanal. Fu costruito per migliorare il commercio, tra gli anni 79 e 80 durante l'impero di Vespasiano e di suo figlio Tito, dal legato C. Calpetanus Rantius Quirinalis Velerius Festus e restaurato al tempo di Massimino Tracio e di suo figlio Massimo. Era lungo 210 miglia romane (circa 330 km). Lungo il suo percorso, le miglia romane sono segnate da "pietre miliari".

Mapa Antonino-WEB.jpg
Miliario-WEB.jpg
Itinerario de Antonino-WEB.jpg
ORIGINE DEL NOME

Questo Camino de Santiago ha ricevuto diversi nomi durante il processo di approvazione da parte della Xunta de Galicia, ad esempio "Camino del Sur". Alcuni ancora oggi propongono il nome "Camino del Sil" perché seguire la Valle del Sil in alcune delle sue tappe principali è ciò che la differenzia dal resto delle strade e le conferisce una propria personalità. Le è stato dato il nome di Strada dell'Inverno perché nel Medioevo, secondo i dati pubblicati nell'archivio diocesano di Astorga, molti pellegrini la usavano in alternativa al cammino francese, per evitare le alte vette di O Cebreiro innevate da mesi e frequenti esondazioni dei fiumi della Valcarce. Inoltre, negli ultimi anni è stata sviluppata e approvata dalla Junta de Castilla y León la "Strada invernale attraverso l'Alto Bierzo" tra Astorga e Ponferrada, che attraversa El Manzanal, Bembibre, San Miguel de las Dueñas e il bacino idrico di Bárcena. quindi attualmente il Sil è percorso solo in poche tappe.

Nieve en el cebreiro-1-WEB.jpg
Nieve-2-WEB.jpg
Desbordamiento en Valle valcarce-WEB.jpg
PICCOLA ETÀ DEL GHIACCIO

Dopo un periodo caldo chiamato il clima ottimale medievale (dal X al XIV secolo), a causa di varie cause come la bassa attività solare, l'aumento dell'attività vulcanica, le interazioni oceano-atmosfera, la variabilità del clima naturale e lo spopolamento dell'Europa A causa della peste nera, si sono verificate ondate di freddo intermittenti che hanno colpito l'emisfero settentrionale, in particolare l'Europa, dall'inizio del XIV alla metà del XIX secolo. Ci furono tre minimi: uno nel 1650, un altro intorno al 1770 e l'ultimo nel 1850. Milioni di persone morirono a causa del freddo. Enormi ghiacciai si sono riversati in tutta Europa, i fiumi sono rimasti congelati per molto tempo e gli eschimesi potevano andare in kayak fino alla Scozia.

Pequeña edad del hielo-3.gif
Pequeña Edad de Hielo-1.jpg

La piccola era glaciale ha aggravato i problemi invernali a O Cebreiro, abbondanti nevicate durante tutto l'inverno e quindi più disgelo durante la primavera e più alluvioni nella valle di Valcarce. In conclusione, sebbene la piccola era glaciale abbia contribuito a diminuire il numero totale di pellegrini a Compostela, il rapporto tra coloro che hanno percorso il sentiero invernale ei francesi è aumentato in inverno e in primavera. Ogni pellegrino che viaggiava in inverno e in primavera era praticamente obbligato a seguire il sentiero del Sil fino a Quiroga e attraversare il Sil nelle varie barche esistenti fino a San Clodio, proseguire lungo la sponda sinistra del Sil fino ad A Cubela, attraversare il fiume Sil in battello fino a Barxa e da lì a Monforte, Belesar, Chantada, Lalín, Santiago.

Attualmente è utilizzato in qualsiasi periodo dell'anno

contemplare i luoghi fantastici che attraversa,

pieno di natura, monumenti e paesaggi meravigliosi.

VAL DO FRADE IN AUTUNNO

VALDOFRADE en -OTOÑO-WEB.jpg
Val do Frade en Otoño-2-WEB.jpg

Lo stesso giorno 28-11-2021, Piedrafita del Cebreiro sul Cammino Francese era così:

(Fotografie Piedrafita tratte dal gruppo Facebook "Luoghi segreti della Galizia")

Es mucho mas guapo que el frances-WEB.jp
Afluencia peregrinos-1-WEB.jpg

Secondo i dati forniti a fine dicembre 2019 da Nava Castro (direttore del turismo della Galizia) a Monforte de Lemos, l'afflusso di pellegrini sul Cammino d'Inverno ha avuto la tendenza ad aumentare dal suo riconoscimento ufficiale. Fino all'inizio di dicembre è stato visitato da più di 1000 pellegrini, il che rappresenta un aumento di oltre il 50% rispetto alle statistiche del 2018.

 
 
RECUPERO STRADALE INVERNALE
LO STATO DI LEMOS

Nel tardo Medioevo, lo Stato di Lemos fu creato per mano della Casa Condal di Lemos, che è stato lo stato laico più potente del Regno di Galizia. Fino alla sua scomparsa definitiva all'inizio dell'Età Contemporanea (Reggenza di Mª Cristina de Borbón), questo Stato ha svolto un ruolo decisivo nello sviluppo storico del Regno di Galizia e di Spagna e quindi, nel concerto internazionale dell'Età Moderna, .

 

Lo Stato di Lemos si estendeva per tutta la parte orientale dell'attuale Comunità Autonoma di Galizia attraversandola diagonalmente da sud a nord e la cui capitale e nucleo centrale (Monforte de Lemos) si trovava nella Terra e Valle di Lemos che secondo il dottor D Sebastián Miñano e Bedoya  era "un terreno generalmente fertile, sebbene interrotto da montagne" e la valle di Lemos era "la più popolata e la più ricca di tutte che ci sia in Galizia ".

La valle di Lemos è un'area compresa tra i fiumi Sil e Miño ed è attraversata dal fiume Cabe e dai suoi affluenti, da qui la sua fertilità. Era il luogo prescelto dai re del Medioevo (prima utilizzando monaci e poi ordini militari e nobiliari) per insediare una popolazione di migranti che consentisse loro di sfruttare le proprie ricchezze agricole e minerarie. La sua successiva crescita consentirà la creazione di un potente STATO LAICO . Detto Stato dipendeva dalla signoria giurisdizionale del Conte o Contessa di Lemos con funzioni di governo e amministrazione della giustizia, civile e penale in primo luogo, su tutto il popolo dello Stato semplice in esso residente.

I Conti di Lemos detenevano anche il titolo di Marchesi di Sarria (XVI secolo) e la signoria giurisdizionale di Paradela e gran parte del Somoza Mayor de Lemos.

Estado de Lemos-1.jpg

Di conseguenza,

si creò una rete di strade che concorrevano a Monforte de Lemos,

che erano usati dai pellegrini a Santiago

quando le condizioni meteorologiche sulla strada francese erano avverse.

Perciò:

lo Stato di Lemos controllava molte delle strade di pellegrinaggio o vie di Santiago de Compostela

che attraversava l'attuale provincia di Lugo,

Compreso:

La cosiddetta STRADA INVERNALE che entrava in Galici seguendo il corso del fiume Sil, con varie varianti ma tutte avevano come riferimento e concorrevano a Monforte de Lemos.

La cosiddetta STRADA FRANCESE per essere i Conti di Lemos marchesi di Sarria (XVI secolo) e signori di Paradela e gran parte del Somoza Mayor de Lemos.

Ergo, in virtù dell'asserzione  che "ogni pellegrino fa il suo cammino"

Vari percorsi possono essere stabiliti attraverso le regioni attraversate dalla strada invernale.

Quale di loro dovrebbe portare la qualifica di "Rotta Ufficiale"?

In altre parole, in quali di loro gli Organismi Ufficiali dovrebbero investire parte del loro budget?

REQUISITI PER UN PERCORSO DA DICHIARARE UFFICIALMENTE
CAMINO DE SANTIAGO ATTRAVERSO LA XUNTA DE GALICIA

Affinché un percorso venga dichiarato ufficialmente come il Camino de Santiago, si ritiene necessario presentare documenti in cui siano giustificati i seguenti elementi:

  • Il percorso ha una storia documentata del passaggio dei pellegrini. Ad esempio, centri di accoglienza per camminatori attraverso ospedali o rifugi.

  • Il percorso ha una storia documentata della sua influenza sulla strutturazione, conformazione e caratterizzazione del territorio che attraversa.

RECONOCIMIENTO OFICIAL DEL CAMINO DE INV
RECONOCIMIENTO OFICIAL DEL CAMINO DE INV

Altri documenti che favoriscono la dichiarazione ufficiale sono: c'erano strade romane prima che fossero vie di pellegrinaggio, sono stati trovati resti archeologici, segni specifici, culti e luoghi legati al pellegrinaggio, quali: toponomastica, tradizioni locali, documentazione d'archivio, letteratura ordeporica ( tratta degli eventi e delle cose viste durante un viaggio, storie di pellegrini che si conservano), testi letterari, cartografia storica, ecc.

 
DICHIARAZIONE UFFICIALE DELLA STRADA INVERNALE COME PERCORSO XACOBEA

Inizialmente la Winter Road non era inclusa come percorso ufficiale. Víctor Vázquez Portomeñe ha dichiarato nella "XVI Xornadas scientifica do Camiño de Inverno" tenutasi a Monforte de Lemos dal 13 al 15 settembre 2019, che non ha osato includerla perché non era documentata e per paura di essere criticata politicamente perché, è dalla zona di Chantada attraverso la quale passa la strada invernale.

Aida Menendez-WEB.jpg

Nel 1998, quando il signor Nazario Pin era sindaco e la signora Aida Menéndez Lorenzo assessore alla cultura, il Comune di Monforte de Lemos ricevette la proposta di realizzare uno studio su una strada per Santiago che, secondo Elías Valiña, seguiva il corso del fiume Sil a sud della provincia di Lugo.

Nel 1999, il Comune di Monforte de Lemos ha deciso di dedicare 3.500.000 pesetas alla preparazione di un rapporto che avalla l'esistenza di una rotta giacobina che passa per Monforte e affida a Dª Aida Menéndez la gestione dell'intero processo.

I lavori di ricerca sono svolti da un comitato diretto dal professore di storia Ramón Izquierdo Perrín. Secondo Perrín, il percorso sarebbe entrato nella provincia di Lugo attraverso Montefurado e avrebbe seguito il corso del fiume Sil fino a Quiroga. Poi sarebbe continuato a Puebla de Brollón, Monforte de Lemos, Belesar, Chantada, Lalín.

Il 28 aprile 1999 è stata creata un'associazione con i comuni attraversati dal percorso: Quiroga, Ribas de Sil, Puebla del Brollón, Bóveda, Monforte de Lemos, Pantón, Saviñao, Chantada. L'associazione è iscritta nel registro degli enti promotori dei Caminos de Santiago con il numero 102 e il nome di "Asociación Camiños a Santiago pola Ribeira Sacra". Aida Menéndez è il presidente e continua ad esserlo ancora oggi.

Nel 2004 l'associazione è stata aperta a soci privati ​​e nel 2020 contava più di 450 soci.

I rappresentanti delle regioni di Bierzo, Valdeorras e Deza vengono contattati per unire le forze nel raggiungimento della dichiarazione ufficiale del Camino de Invierno con il percorso xacobea.

Per maggiori informazioni sulla lunga strada percorsa per ottenere la dichiarazione ufficiale, consultare la pagina WEB dell'associazione il cui URL si trova in fondo a questa pagina.

ORGANIZZAZIONI AMMINISTRATIVE

Il tratto tra Ponferrada e Puente de Domingo Flórez si trova nella Comunità di Castilla-León e quindi la Junta de Castilla-León è l'organo amministrativo che può regolarlo.

Il tratto da Puente de Domingo Flórez a Santiago si trova in Galizia e quindi la Xunta de Galicia è l'organo amministrativo che può regolarlo.

Limite entre galicia y Castill-Leon-WEB.
RICONOSCIMENTO UFFICIALE DELLA STRADA INVERNALE
DALLA XUNTA DE GALICIA

La legge galiziana sui beni culturali, legge 5/2016, del 4 maggio (BOE del 18 giugno 2016), dopo gli studi effettuati per accreditare la strada, riconosce ufficialmente la Winter Road (nella sezione sotto la sua giurisdizione, da Puente de Domingo Flórez a Santiago) come itinerario di pellegrinaggio sul Cammino di Santiago.

Allo stesso modo, la nuova legge prevede l'avvio della dichiarazione BIC di un percorso Xacobea se i comuni attraverso cui scorre lo richiedono all'unanimità, il che ne migliora la protezione e la conservazione.

D'altra parte, la normativa consente l'istituzione di un piano territoriale integrato dei Caminos de Santiago per migliorare l'efficace protezione del Camino de Santiago.

RECONOCIMIENTO OFICIAL DEL CAMINO DE INV
RECONOCIMIENTO OFICIAL DEL CAMINO DE INV
RICONOSCIMENTO DELLA STRADA INVERNALE
DALLA COMMISSIONE DELLE STRADE PER SANTIAGO DI CASTILLA Y LEÓN

La Commissione dei Cammini di Santiago di Castilla y León è l'organo collegiale, annesso al Ministero della Cultura e del Turismo, che coordina le azioni relative al Camino de Santiago nell'ambito territoriale della Comunità di Castilla y León, e nel che siano rappresentati i diversi consigli della Junta de Castilla y León, i consigli provinciali, i comuni di Los Caminos, le diocesi della Comunità e le associazioni il cui scopo associativo è la promozione delle rotte giacobine, nonché le persone che hanno accreditato un conoscenze pertinenti sulle strade di Santiago.

Il 21 dicembre 2020, la Commissione dei Cammini di Santiago di Castilla y León, presieduta dal Ministro della Cultura della Junta de Castilla y León (Sig. Javier Ortega), ha segnalato favorevolmente il riconoscimento come Sentiero storico del Camino de Invierno nel suo percorso attraverso Castilla y León (da Ponferrada a Puente de Domingo Flórez).

La Commissione ne riconosce il valore storico e valuta il fatto che sia già riconosciuto e dichiarato Bene di interesse culturale nella Comunità della Galizia. È anche apprezzato che sia un percorso ben segnalato e che abbia infrastrutture e risorse per i pellegrini.

Una strada è considerata storica, se è stata associata al pellegrinaggio del pellegrinaggio, è stata una rotta stabilita di commercio o di trasporto e sono stati aggiunti valori di interesse culturale.

RECONOCIMIENTO CAMINO INVIERNO-WEB.jpg
Mojon en Ponferrada-WEB.jpg
 
 
REGIONI ATTRAVERSO I PASSI STRADALI INVERNALI

La Xunta de Galicia non ha ancora stabilito il percorso ufficiale finale. Al momento quello presentato nella mappa seguente è da considerarsi ufficiale. Il numero di tappe varia da un'associazione all'altra tra 9 e 12. Come dirò più avanti, ogni pellegrino stabilirà un numero di tappe che si adatta alle sue qualità. Sul percorso principale ci sono alcune alternative o varianti.

Mapa del Camino-1-WEB.jpg

Il Cammino d'Inverno passa a León attraverso la regione del Bierzo e in Galizia attraverso le regioni di: Valdeorras, Quiroga, Tierra de Lemos, Chantada, Deza e Santiago.

Metto le regioni perché ci sono luoghi di interesse naturalistico, culturale e turistico che, pur non essendo all'interno della strada invernale, si trovano nelle loro vicinanze e possono o devono essere visitati.

Comarcas de Leon.png
Comarcas de Galicia.jpg
COMUNITÀ DI CASTILLA Y LEÓN
PROVINCIA DI LEÓN

La strada attraversa la regione di El Bierzo, inizia nel Burgo de Puente Boeza de Ponferrada (emerse nell'XI secolo come insediamento attorno al Camino de Santiago e merita una visita il suo prezioso centro storico). Quindi passa attraverso le seguenti città:

Toral de Merayo (con la chiesa di "El Salvador"); Villalibre (architettura popolare); Priaranza (case con corridoi e balaustre in legno); Santalla (balcone del Bierzo); Villavieja (con la chiesa di Santiago); Castello Cornatel (appartenente ai Templari e successivamente ai Conti di Lemos); Borrenes (crocevia dove è stato costruito un ospedale per pellegrini).

Ponferrada-7-WEB.jpg
Villavieja-WEB.jpg
Castillo de Cornatel-1-WEB.jpg
Borrenes-1-WEB.jpg

Quindi arriverete a Las Médulas (considerata la più grande miniera d'oro a cielo aperto dell'intero "Impero Romano". L'estrazione del minerale ha alterato l'ambiente, risultando in un paesaggio dalle forme e colori spettacolari, attualmente parzialmente coperto da castagneti e querce Sono stati dichiarati "Beni di Interesse Culturale" nel 1996, in considerazione del loro interesse archeologico, sono stati dichiarati dall'Unesco "Patrimonio dell'Umanità" nel 1997 e "Monumento Naturale" nel 2002, sono stati considerati come uno dei dieci angoli naturali più impressionanti della Spagna nel 2016.); Mirador de los Pedrices (magnifica vista sulle miniere e sulla città di Las Mádulas).

Las medulas-2b-WEB.jpg

Si lascia la provincia di León da Puente de Domingo Flórez (porta a pagamento per attraversare il ponte sul fiume Cabrera).

Puente de Domingo Florez-1-WEB.jpg
Puente de Domingo Florez-2-WEB.jpg
COMUNITÀ DI GALIZIA

La strada invernale è l'unica strada per Santiago che attraversa le quattro province galiziane.

PROVINCIA DI ORENSE

Nella provincia di Orense la strada attraversa la regione di Valdeorras e attraversa i paesi di: Quereño; Pumares; Sostituiscilo; Entoma; Barca Valdeorras-Xagoaza. Da Xagoaza si passa Tremiñá; Archi; Villamartín de Valdeorras e la Rúa.

Entre Quereño y el Barco hay una variante que pasa por el parque natural de la Sierra de la Encina  por Sobredo, Biobra, Robledo, Rubiá). 

PROVINCIA DI LUGO

Nella provincia di Lugo, il Camino attraversa le regioni di Quiroga, Tierra de Lemos e Chantada e attraversa le città:

  • Comune di Quiroga: (Albaredos; Montefurado; (montagna perforata dai romani); Bendilló; Soldón; Cospedro; Quiroga; Eremo di Los Remedios; Carballo de Lor).

  • Comune di Puebla del Brollón: (Barxa de Lor; Castroncelos; Vilarmaos; Puebla del Brollón; Cereixa; Ráiros).

  • Comune di Monforte de Lemos: (Reigada; Rioseco; Monforte de Lemos (la sua parte vecchia è stata dichiarata Sito di Interesse Culturale), A Vide, Campos

  • Comune di Saviñao: (Pazo de Regüengo, Piñeiro, A Barxa, Fontela, Diomondi).

  • Comune di Chantada: (Puente de Belesar, San Pedro de Líncora, Chantada, Centuye, Lucenza, Vilaseco, Monte del Faro (da cui si possono vedere i paesaggi delle quattro province galiziane).

  • Da Quiroga a Monforte c'è una variante che passa per Sanclodio, A Covela e La Ribeira Sacra (Beni di Interesse Culturale); Vilachá de Salvadur, Rozavales; Villamarín; Santa Mariña do Monte e Monforte.,.